Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Sabato 19 Agosto - ore 21.35

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

L'arena è chiusa. Speranze, utopie e lo spettro dell'astensione

Si chiude in serata la campagna elettorale dei candidati. Due mesi di parole e scivoloni, per arrivare al primo turno e guadagnare la finale. Ma attenzione al partito degli indecisi, a chi si sente irrimediabilmente escluso dalla cosa pubblica.

L´arena è chiusa. Speranze, utopie e lo spettro dell´astensione

La Spezia - Se fosse una partita di calcio saremmo facilmente a dire che quella di domenica è certamente una sfida cruciale ma affatto non decisiva ai fini del campionato. Nel satellite football, terra di emozioni sempre più artefatte, di parole mediate, si usa il relativismo dialettico sostanzialmente per non cadere nella trappola, chissà quale trappola poi, del giornalista di turno che vuole andare oltre l'ovvio, il già sentito, provando a stimolare un sistema ovattato, viziato e autoreferenziale. In quello politico, non che non manchino i vizi e le autoreferenzialità (...), la storia è realmente differente: specialmente a questo giro, a queste prime amministrative spezzine veramente combattute dopo mezzo secolo di dubbi assai relativi, primo e secondo turno rischiano di vivere dinamiche profondamente differenti, per non dire opposte. Un giro di parole per dire che i meccanismi che porteranno al voto domenica 11 giugno difficilmente si riproporranno quindici giorni dopo, fra apparentamenti ufficiali, alleanze segrete, conciliaboli nelle segrete stanze e riunioni carbonare in altrettanto carbonari locali del centro città. Conterà soprattutto calcolare lo scarto esistente fra i finalisti (la cosiddetta forchetta elettorale), tenendo ben presente che a candidati civici, rappresentati dalle solo loro liste, si mescolano altri, sostenuti dai cosiddetti partiti tradizionali, uniti in grandi o piccole coalizioni. Se al ballottaggio finisse il centrodestra di Peracchini o il centrosinistra di Manfredini, espressioni di diversi partiti tradizionali uniti, sarebbe differente rispetto ad una finale che vedesse coinvolti candidati civici, semi-civici, o la stessa Donatella Del Turco, portacolori dei solitari Cinque Stelle.

Alla Spezia è stata una campagna elettorale senza guizzi, priva di comizi memorabili, con qualche idea, anche virtualmente interessante, buttata sul tavolo per stupire, ma colpevolmente staccata da un ragionamento prospettico che sia utile per qualsiasi governo che prenderà in mano la città. Non è facile condensare in un programma elettorale una filosofia d'intervento che da una parte ricerchi il consenso, dall'altra dica cose realistiche e non progetti che, specialmente nel Paese dei ricorsi al Tar, finiscono poi nei faldoni dei magistrati e si fermano miseramente. O progetti che in questa parte del mondo non avrebbero ragione di esistere visto che la produttività è di altri continenti, di distretti economici che di sicuro non guardano al Mediterraneo e soprattutto l'Italia. Non è comunque una passeggiata persuadere un elettorato che ha smesso di dormire solo per iniziare a bestemmiare, ad urlare senza ascoltare, a chiedere una mano dallo Stato dimenticando che cosa è lo Stato, a non prendersi la responsabilità di dire: "ho sbagliato anch'io". Un elettorato che d'altro canto è abituato a prendere senza pagare, ad avere senza meritare, in un sistema di rapporti dove, diciamolo, l'etica è sollazzo da sfigati, la rettitudine un'offesa, il rispetto soltanto uno slogan da rapper. E così pure i colpi bassi fra i protagonisti sono finiti per essere dei momenti social, fra ilarità, amarezza e mestizia non tanto per i 700 e passa candidati consiglieri, quanto per chi, come noi, le campagne elettorali le ha seguite davvero, studiando i famosi programmi, paginate di (alcuni) buoni propositi, sconosciute al 90 percento dei cittadini che oggi non vanno oltre slides, videoclip, infografiche semplificate.

Come andrà? E' la domanda collettiva che si fanno gli spezzini, con una piccola parte di loro (facciamo 4-5mila persone, considerando famiglie ed amici) direttamente coinvolti nella campagna, perché nelle liste, e una gran parte che, fedele alla storia, aspetta fatalmente gli eventi. Dei primi va apprezzata la voglia di esserci, di spendere il proprio nome e magari anche qualche ora di tempo per la causa scelta; meno comprensibili, e figli del noviziato, i toni con cui conoscenze ventennali o peggio amicizie vere, sono finite, come se partecipare ad un progetto politico fosse mettersi una sciarpa al collo e scegliere una curva dove perdere la voce. Fra i secondi, quelli esterni alla sfida, ci sono i giovani con la loro aurea di menefreghismo, gli anziani con la rassegnazione di chi ha capito che è finito "un certo tempo", il resto è un mix di indignazione, interessi personali, convulsioni social. E voglia di farla pagare a qualcuno. E se a Genova gli analisti parlano di un'indecisione cronica che coinvolgerebbe due genovesi su dieci non è che qui le cose siano così diverse. Si parla di un forte astensionismo nel sistema Paese, e se così fosse tutte le previsioni ed i sondaggi che i partiti hanno fatto ma si sono guardati bene di divulgare, sono destinati a saltare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure