Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Venerdì 21 Luglio - ore 12.30

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

L'Unione comunale ha deciso: Manfredini è il candidato del Pd

Con 76 voti il presidente del consiglio comunale ha ottenuto l'appoggio unitario del partito. Assenti Mori e i delegati a lui più vicini.

L´Unione comunale ha deciso: Manfredini è il candidato del Pd

La Spezia - Alla fine di un week end di silenzi e un lunedì di tensione, il Partito democratico spezzino ha dato l'ok alla candidatura dell'esponente del Partito socialista, Paolo Manfredini, annunciata una settimana fa in seguito all'accordo raggiunto tra Andrea Orlando e Raffaella Paita.
L'attuale presidente del consiglio comunale si era detto "orgoglioso" (leggi qui) per l'incarico che sembrava imminente, ma i mal di pancia interni alle correnti avevano messo tutto in discussione. Tra gli orlandiani il sintomo più evidente era stato il post su Facebook con il quale Matteo Bianchi, portavoce del ministro, aveva parlato di "ricostruzione strumentale", riferendosi all'articolo con il quale CDS dava l'intesa per raggiunta. Tra i paitiani, invece, i problemi principali ruotavano intorno alla figura di Corrado Mori, il candidato alle primarie in pectore della corrente da anni.

E infatti ieri sera Mori, Tartarini, Venturini e Ferraioli, dopo una tesa riunione di area nel corso della quale l'assessore ai Lavori pubblici ha rinunciato definitivamente alla candidatura, non si sono presentati all'Unione comunale che ha ufficialmente scelto il Manfredini come candidato. Un'assenza in protesta alla decisione di Paita e del sindaco Massimo Federici, di puntare sul socialista invece che difendere Mori e il percorso delle primarie. Una votazione unanime, quella di ieri sera in Via Lunigiana, alla quale hanno preso parte 77 delegati degli oltre cento aventi diritto. Una seduta lunga, alla quale ha preso parte anche il nuovo segretario regionale Vito Vattuone, un elemento che potrebbe aver contribuito a mantenere calmi gli animi e a non innescare gli estremi tentativi di far slittare ancora la decisione. La rinuncia di Mori aveva infatti tolto ogni speranza di primarie anche alla corrente benifeiana, che avrebbe presentato Franco Vaira, ma non aveva fatto passare la loro intenzione di individuare un nome alternativo a quello del presidente del consiglio comunale. Nessuna sorpresa, alla fine, se non che ai 75 voti favorevoli ha fatto da contraltare una astensione e quello contrario di Andrea Landi, segretario Pd di Fossitermi, il circolo al quale è iscritto Orlando.
Alla fine, dunque, nel Pd spezzino sembra aver prevalso la paura di dividersi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure