Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 18 Luglio - ore 08.00

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Il centrodestra spezzino crede in un altro trionfo

All’inaugurazione del point Gagliardi sfida Caleo, Costa sottolinea la coesione della coalizione. Biasotti: “Dove c’è prosperità il Pd muore”. Pucciarelli: “Mandiamoli a casa con un calcio nel sedere”.

Il centrodestra spezzino crede in un altro trionfo

La Spezia - “Siamo convinti che sapremo fare davvero molto bene: noi ci mettiamo sempre il 49 per cento, ma per il capolavoro ci vuole anche il vostro 51 per cento. E’ una giornata tutta per noi, per la nostra coalizione. Oggi il centrodestra governa l’83 per cento dei comuni liguri, quando arrivammo alla guida della Regione il centrosinistra ne controllava il 70 per cento”. Come sempre accade elle migliori occasioni, il gran cerimoniere è Giacomo Giampedrone, l’assessore regionale rimasto fuori dalla battaglia serrata delle candidature che al fischio finale di Spezia-Venezia si allontana dallo stadio per raggiungere Piazza Beverini. Inaugurava infatti il point ufficiale del centrodestra spezzino a tre settimane ormai dall’appuntamento con le urne. C’è anche il sindaco Pierluigi Peracchini a fare l’un bocca al lupo: “La speranza che ci ha portato a guidare la nuova amministrazione è la stessa con cui ci approcciamo a questo appuntamento. L’impostazione è cambiata perché ci preoccupiamo dei problemi della gente cosa che la politica non faceva da tempo. Sosteniamo Manuela e Stefania, abbiamo amici come Costa, Frijia, Viviani e Saccone candidati. Lavoro con loro tutti i giorni per risolvere i disastri che abbiamo trovato. Chi ci ha amministrato fino ad oggi a Roma ha fatto addirittura peggio che alla Spezia. Cinque anni fa hanno fatto un colpo di stato e a pagare per i danni che sono stati fatti siamo stati solo noi cittadini. Io sono sicuro che il 5 marzo ci sarà il sole, conto sul vostro appoggio”.

Il comizio vero e proprio e già iniziato e Manuela Gagliardi sfida Massimo Caleo col quale evidentemente se la giocherà fino alla fine: “Siamo partiti in 4-5, con un grande sogno: far diventare la Liguria il centro di un cambiamento. Il mio antagonista dice di non conoscermi e io sono orgogliosa che lui non mi conosca perché io conosco lui e la politica fallimentare della sua carriera. E che dire di Renzi, il rottamatore, che in Liguria ha candidato quella classe politica che cinque anni fa diceva di voler mandare a casa. Sono convinta che finalmente il nostro territorio possa svoltare, la scelta mai come fino ad ora e’ importante e se stasera siete tanti vi chiedo di parlare anche con chi non c’è”. Stefania Pucciarelli, che soltanto tre anni fa era consigliere d’opposizione a Santo Stefano, correrà al Senato per il Carroccio: “Il Pd ci ha tolto tutti i diritti conquistati nel corso degli anni. L’italiano che ragiona ha capito benissimo di chi è la responsabilità di come è ridotta l’Italia. E poi i riscontri li vediamo nel locale: Spezia sta rinascendo, Sarzana sta morendo, questo è il frutto del governo della sinistra. Vanno mandati a casa con un calcio nel sedere se vogliamo riconquistare la nostra nazione ed essere padroni a casa nostra”.

All’appuntamento elettorale ci sarà anche Andrea Costa, che con Noi con l’Italia prova a costruire una forza moderata all’interno della coalizione: “Noi candidati abbiamo bisogno di ognuno di voi per convincere tanti amici che non siamo tutti uguali, che vale la pena andare a votare. Questa coalizione sta lavorando unita ormai da anni in Regione e come ama dire il nostro presidente Toti, le differenze possono essere una ricchezza se si mettono sempre al centro gli interessi dei cittadini”. Sandro Biasotti sentenzia: “Dove c’è prosperità il Pd muore. Per quello preferiscono l’arretratezza. Faremo una squadra a Roma per dare una mano ai sindaci della Liguria. Ma permettetemi di dire che noi tutti abbiamo un lavoro, e non facciamo politica da tutta la vita come Burlando, la Paita e compagnia”. Frijia e Saccone completano gli interventi: “Oggi è il giorno del Ricordo e questa mattina per la prima volta il sindaco della città ha portato dei fiori in Piazza caduti delle foibe. - rivendica la dirigente provinciale di Fratelli d’Italia - Una piazza volutamente dimenticata da chi ci ha preceduto. I cittadini vogliono le regole, gli immigrati che vengono devono essere regolari”. Chiude l’ex assessore e oggi consigliera di minoranza: “Non ascoltate le promesse elettorali, guardate i fatti. Sono completamente cambiati in meglio tutti i luoghi dove siamo andati a governare”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News