Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 30 Novembre - ore 22.18

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Il Pd spezzino: "Non facciamo l’errore di pensare che si tratti solo di una gaffe"

"devastante rottura di civiltà"
Il Pd spezzino: "Non facciamo l’errore di pensare che si tratti solo di una gaffe"

La Spezia - "I milioni di persone che Giovanni Toti giudica “non indispensabili allo sforzo produttivo del Paese” hanno oggi modo di misurare quale visione del mondo e quale idea di umanità si esprima da parte di alcuni dei protagonisti della vita politica italiana. Soprattutto, lo misurano sulla propria pelle le migliaia di anziani che hanno di nuovo concesso, poco più di un mese fa, la loro fiducia al centrodestra e al suo candidato presidente". Così la sezione spezzina del Partito Democratico a proposito dell'ormai famoso tweet che ha mosso tutta la politica, di maggioranza e di opposizione, con netta divisione dei commenti: "Non facciamo l’errore di pensare che si tratti solo di una “gaffe”, in quelle parole si annida il germe patogeno di un’idea che cataloga gli esseri umani, e ne decide il destino, in ragione della loro “utilità” al fine di produrre ricchezza. Il fatto che Toti “mitighi” la logica della selezione, caritatevolmente dichiarando di volersi prendere cura dei “non indispensabili”, è irrilevante rispetto all’assunzione del principio. Principio non nuovo, che esiste lungo tutta la traccia oscura della storia dell’uomo, e che solo alcuni decine di anni fa ha dato luogo a una delle pagine più terrificanti dell’età contemporanea, allorché nel cuore dell’Europa fu coltivata, e praticata l’eliminazione delle “vite indegne di essere vissute”.

"Non sappiamo quanto Toti sia consapevole della devastante rottura di civiltà che la sua frase introduce. Ogni cittadino potrà misurare la profondità del baratro sul quale questo nuovo approccio alla tragedia del Covid-19 ci affaccia. A noi liguri, che abbiamo appena riaffidato all’autore di questo disumanizzante pensiero il nostro futuro prossimo, tocca almeno pretendere nelle sedi istituzionali le scuse, sostanziali e formali, verso tutti gli anziani d’Italia, offesi da questo gravissimo e incedibile attacco. E tocca vigilare affinché quell’aberrante principio non diventi mai fattore d’ispirazione delle politiche attive nel campo della salute e del sostegno sociale".
Partito Democratico - La Spezia

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News