Genova Post La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 11 Dicembre - ore 19.05

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Il Pd e Manfredini: "I lavori erano ripartiti, così si completa cammino negativo per la sanità spezzina"

Dopo la revoca del contratto a Pessina

La Spezia - "Incredibile che Regione dia la notizia della rescissione del contratto con Pessina senza specificare i motivi di un gesto che avrà ripercussioni gravissime per il futuro dell’ospedale e per la sanità provinciale. Non si dicano falsità: i lavori erano ripartiti. Non vi era solo la presenza di operai, raccontata dalla stampa e chiaramente visibile a chi in questo periodo si è trovato a passare davanti al cantiere. Si stavano installando i basamenti che avrebbero ospitato le gru, si stava mettendo mano ai tiranti che riguardavano i lavori sulla paratia. Il cantiere, insomma, stava riprendendo forma a 360 gradi. Di fronte a ciò la Regione, con l’avvallo di Peracchini, ha decretato la fine di tutto, senza alcuna spiegazione. È una follia. Il fallimento del centrodestra regionale e comunale. Ma sopratutto è un danno enorme alla città ed agli spezzini". I consiglieri comunali del Pd, Marco Raffaelli, Luca Erba e Dina Nobili, insieme al socialista Paolo Manfredini, intervengono così nel dibattito sul futuro del nuovo ospedale della Spezia in seguito alla comunicazione della revoca del contratto a Pessina da parte di Ire.

"Si è completato il percorso negativo della Regione Liguria sulla sanità spezzina. Dopo il fallimento generale con la mancanza di investimenti in questi cinque anni di mandato della nostra Regione con governatore Toti - proseguono - che ha portato al collasso la sanità nel nostro territorio tanto che alcuni mesi fa 19 primari avevano scritto una lettera di allarme per quello che stava accadendo, ossia mancanza di personale e medici che scelgono di andare a prestare la propria mansione lontano dal nostro territorio e quindi in fuga; si è completato il disastro con il fallimento del bando a causa di questa diatriba tra Ire e Pessina trascinata per anni e conclusa nella maniera più infausta per il nostro territorio. Il sogno del nuovo ospedale del Felettino che poteva essere realtà si allontana definitivamente e ora si apriranno i tempi lunghi per un nuovo bando. Probabilmente sarà utilizzato come slogan da Toti per la nuova campagna elettorale per le Regionali. Addirittura avrà il coraggio di dire che la colpa è di altri, ma gli errori commessi sono solo imputabili solo a Toti e all'assessore Viale per la loro assenza in questi cinque anni di loro governo Regionale. E l'assoluta inconsistenza di un sindaco che fa solo da passacarte e notaio con decisioni prese da altri. Questa e la situazione del centrodestra che governa la Regione e il Comune della Spezia. È ora che la città si svegli e reagisca in maniera forte a questa azione pericolosa perché stiamo parlando della nostra salute".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia































Dove acquisterai prevalentemente i tuoi regali di Natale?












Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News