Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 22 Maggio - ore 23.40

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Goretta: "Una la Spezia intelligente, che sia io o altri il candidato sindaco"

Il numero uno di Atc raduna un pezzo di società civile al Circolo San Giorgio per "pensare la città del futuro", ma non scioglie il nodo candidatura. "Idee per una futura lista civica? Forse. A metà aprile pronto un progetto definitivo".

Goretta: `Una la Spezia intelligente, che sia io o altri il candidato sindaco`

La Spezia - "La città intelligente non è un soggetto politico. Può darsi lo diventerà domani, magari con la costruzione di un'associazione culturale prima e di una lista civica per le prossime elezioni amministrative poi. Ma per adesso è un luogo di studio e dibattito per capire quale futuro vogliamo dare alla Spezia". Il prologo è prudente, ma ieri sera presso il Circolo San Giorgio in centro città si è parlato di politica davvero, come per adesso poco è successo dentro le segreterie provinciali dei partiti nazionali. Centrosinistra e centrodestra riflettono sui nomi da proporre e non sui programmi, il M5S il nome se lo è fatto bocciare dall'alto. Renato Goretta, imprenditore e amministratore di Atc, dal canto suo raduna una cinquantina di amici per "la costruzione di un progetto per la città che possa diventare anche un programma di governi della città".
Davanti a personalità dell'imprenditoria e delle professioni, Goretta snocciola le sue idee divise in quattro punti. Idee che dimostrano una certa trasversalità. La sicurezza è un tema caro alla destra - "spesso è soprattutto una questione di percezione, ma serve più polizia locale e una riqualificazione urbana che riguardi non solo il centro città" - mentre quello della sostenibilità ambientale è un cavallo di battaglia della sinistra - "abolirei l'assessorato all'ambiente, perché dev'essere una preoccupazione fatta propria da qualsiasi amministratore".

Gli altri due "contenitori" scelti sono lo sviluppo e la semplificazione - "le istituzioni devono essere surrogatorie rispetto al privato" - che riprende quell'impronta liberale che c'era già nel 2012 quando Goretta era l'animatore della delegazione di Italia Futura, il fugace progetto politico di Luca Cordero di Montezemolo. "Bisogna rilanciare il commercio del centro, pensando a una nuova Piazza del Mercato che non sia solo la concorrenza tra banchetti che offrono gli stessi prodotti - illustra, foglio in mano -. E sul turismo c'è ancora tanto da fare. I croceristi? Dai dati che abbiamo in Atc, vi posso dire che spesso tornano a bordo a pranzare per poi riscendere in città nel pomeriggio. Vuol dire che qualcosa non va".
Un Palio del Golfo da portare sul palcoscenico nazionale e in generale una storia marinaresca da rifare propria senza ideologismi. "Dentro il Museo Navale c'è una statua di Costanzo Ciano opera di Francesco Messina che è un vero capolavoro e che per decenni è rimasta buttata in un angolo". La mobilità è deformazione professionale. "La stazione centrale è ormai una piastra intermodale perfetta, con treni, taxi, autobus, bike sharing e il parcheggio sotterraneo. Potrebbe avere un corrispettivo in un Centro Kennedy ripensato e all'interno di questi due poli una mobilità solo elettrica con il progressivo addio ai filobus e all'antiestetica linea aerea che li alimenta".

Per il futuro dell'area dopo l'addio di Enel e la riconversione post industriale di tante aree cittadine c'è l'esempio di Sophia-Antipolis, il polo francese della ricerca nato tra Nizza e Cannes "con cui ci sono tante somiglianze anche geografiche". Anche questa la ripresa di una vocazione antica per la Spezia, che tra Ottocento e Novecento ha contribuito in maniera decisiva al progresso tecnologico del Paese.
Idee e progetti con respiri temporali diversi, dall'immediatamente realizzabile al futuribile. Ma la prima scadenza è tra maggio e giugno quando si dovrà votare per il nuovo sindaco della città in un clima di incertezza quale forse non si era mai registrato. Detto che non è alle primarie, se mai ci saranno, del Pd che è rivolta la prua, cosa farà da grande La città intelligente? "Intanto vi invito al confronto tramite la pagina Facebok della Città intelligente. L'obiettivo è arrivare a un progetto definitivo entro metà aprile. Sarà un programma politico-amministrativo che farò mio se sarò candidato a sindaco. In caso contrario resterà nella disponibilità della città e della futura amministrazione". Un punto di contatto con il resto della politica cittadina c'è dopotutto: anche in questo caso si prende tempo in attesa degli eventi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure