Città della Spezia Liguria News Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 19 Giugno - ore 14.28

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Giachetti apre a Di Maio: "Se accetta i cento punti del programma..."

Il parlamentare Pd presenta il suo libro: "Siamo l'unica forza che sta sul territorio".

IERI ALLA SPEZIA
Giachetti apre a Di Maio: "Se accetta i cento punti del programma..."

La Spezia - Ieri, un bel pomeriggio di politica al circolo Arci di Piazza Concordia, organizzato dal Circolo Pd di Migliarina. Introdotto da Stefano Volpi, che ha ricordato a tutti con un lungo applauso, Walter Sgorbini, per decenni vero motore della sezione e combattente partigiano oltre che politico, Giachetti, intervistato da Thomas De Luca, ha raccontato cosi il suo viaggio nella politica. Con l’occasione dell’uscita del libro di Alberto Garuffi, una sorta di biografia fatta di racconti, aneddoti e storie dei suoi quaranta anni di vita politica attiva, Giachetti ha una storia che parte da lontano, dalla sua militanza nel Partito Radicale.

Compagni di questo suo viaggio e racconto il sigaro e la lotta per la libertà. E’ stata l’occasione per parlare subito dei temi nazionali di queste ore, il futuro del Paese e l’eventuale sostegno a un governo cinque stelle, che terrà impegnata la discussione della direzione nazionale nei prossimi giorni. Con grande semplicità ma altrettanta determinazione, Giachetti non si dice spaventato o contrario a un confronto con il movimento di Di Maio, ma precisa: ”I cento punti del programma della nostra campagna elettorale, sono la nostra visione di governo del Paese. Se loro accettano i cento punti, si può ragionare. Non potremmo però, sui tanti temi che ci dividono, andare avanti di volta in volta. Non sono sufficienti dieci punti in comune”.

Parla del suo passato nei radicali e del suo grande legame con Marco Pannella, racconta della sua Roma e della battaglia per le amministrative contro Virginia Raggi. Dice: “Il pd a Roma ha fatto un grande lavoro di ricostruzione - si sofferma sul Partito Nazionale e dice - Serriamo le fila e andiamo avanti. Il Pd è l’unica forza politica strutturata sui territori, che sa fare battaglie politiche, vincere, perdere e come questa volta sentirsi ferito da un risultato come quello del 4 marzo, ma, al contrario degli altri, ha milioni di militanti che sanno sempre trovare l’orgoglio e la forza di ripartire. E da qui dobbiamo ricominciare, dalla base del Partito”.

Così in una sala affollata, presenti tra gli altri la neo eletta onorevole Raffaella Paita, l’ex sindaco Federici e numerosi dei suoi ex assessori( ai quali sembra rivolgersi direttamente mentre dice: lasciamo città ben amministrate in mano ad altri che poi si prendono anche i meriti!) e molti giovani, Giachetti snocciola racconti, risponde alle domande del pubblico, firma autografi e si ferma a scambiare due parole con tutti, con grande voglia di condividere e di ascoltare quello che chi era li aveva desiderio di fare arrivare fino a Roma. E poi si concede quel sigaro e tante strette di mano.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News