Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 12 Dicembre - ore 07.05

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Forcieri inedito consigliere: "Basta partitocrazia, il metodo non è cambiato"

L'ex senatore presenta Avantisieme, la creatura civica che nasce all'indomani delle elezioni. Di stampo laico ed europeista, cerca progetti simili con cui condividere una linea comune. "Esempio Pizzarotti? Nessun problema ad imitare chi fa bene".

Forcieri inedito consigliere: `Basta partitocrazia, il metodo non è cambiato`

La Spezia - Da Palazzo Roderio, primo cittadino di una Sarzana che salutava gli anni '80 per immergersi nel cosiddetto decennio d'oro, a candidato sconfitto nella città capoluogo, dalla quale ripartire per una storia nuova che, evidentemente, non vuole fermarsi ai verdetti di giugno. Venerdì alle 18 Lorenzo Forcieri tornerà in un consiglio comunale negli inediti scranni d'opposizione, allontanando le malelingue di chi mai avrebbe scommesso su una scelta di rimessa. Lo dice con chiarezza nel contesto della presentazione di "Avantinsieme", la sintesi movimentista delle liste che ad inizio maggio hanno deciso di appoggiare la candidatura dell'ex senatore. La squadra riparte dai vari Franco Vaira, beffardamente fuori dal consiglio comunale, Gianmaria Cristina, Claudio Pinza e Federica Paganelli, gli angeli custodi di Forcieri in questi due mesi di incontri, riunioni, posizionamenti. "Abbiamo registrato un risultato elettorale positivo visto che siamo partiti in ritardo - attacca Forcieri, spiegando i capisaldi di un movimento che definisce più volte "liberal" -, riscontriamo però un giudizio negativo per la partecipazione non solo a Spezia. Ed è preoccupante visto che parliamo oltretutto di elezioni amministrative. La crisi dei partiti e alla base di questo astensionismo, da destra a sinistra: c'è invece una forte attività nei cittadini, una coesione associazionistica, che non si riversa nella vita politica. Da qui l'idea di creare un movimento civico, formato dalle persone che hanno fatto parte delle liste della campagna e chi vorrà entrare, naturalmente".

Un movimento europeista, laico, riformista, fortemente collegato col territorio ma che negli intendimenti di Forcieri, può avere vita nella rete italiana di altri sodalizi civici, per ritrovare un rapporto coi cittadini, con la democrazia decidente, ricostruendo canali di partecipazione alla vita pubblica. E l'accostamento alla positiva esperienza di Federico Pizzarotti a Parma, vittorioso con una sua lista e confermato sindaco nonostante lo strappo con i Cinque Stelle, finisce per essere qualcosa di più di un sillogismo, visto che proprio dalla città ducale è arrivata più di una telefonata in città per capire di più sulla sostanza del progetto Forcieri, sugli intendimenti programmatici e, soprattutto, sui meccanismi di partecipazione: "Allargare la nostra presenza sia a livello provinciale che regionale. Sì, ci farebbe molto piacere costituire rete di movimenti civici. E soprattutto non abbiamo nessun problema ad imitare ciò che di buono viene fatto altrove. In consiglio andrò: ho accettato la candidatura e la partecipazione al consiglio ma credo debba esser rinnovabile, coinvolgendo altri cittadini. Come ci comporteremo? Il nostro sarà un atteggiamento condizionato dalla corrispondenza rispetto ai nostri programmi. Le idee le abbiamo, abbiamo dimostrato di averle ed infatti molte ce l'hanno copiate un po' tutti". Una piccola sede in città, una serie di tavoli coi relativi responsabile, una struttura chiara capeggiata da Riccardo De Lucchi: "Ci saranno gruppi di lavoro, non frastagliati come gli assessori cui sono state date deleghe a macchia di leopardo. Parleremo, tanto, di economia, di temi sanitari, di cultura. Non chiediamo posti a nessuno, diamo invece un contributo alla città. Valorizzare le competenze e il merito è il nostro mantra. Se un assessore vorrà partecipare a questi tavoli? Di certo avrebbe qualcosa da imparare..." Un giudizio sulle prime mosse del governo Peracchini, Forcieri se lo regala: "Mi pare che il metodo seguito abbia ricalcato in maniera pedissequa il vecchio sistema della spartizione partitocratica. A mio giudizio per le aspettative di cambiamento sul quale hanno preso tanti voti non mi pare una buona partenza. E a Sarzana potrebbe nascere qualcosa di analogo a Avantinsieme? Noi vogliamo ingrandirci, coinvolgere persone nuove. Solo quello al momento ci interessa. E osservare realtà simili a Genova, Carrara, Parma. Di sicuro in consiglio comunale saremo il terminale delle esperienze elaborate".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure