Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Sabato 23 Febbraio - ore 14.45

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Fontana rossa, Cenerini e Costantini: "Caratozzolo non perde occasione per parlare a sproposito"

"clima teso"
Fontana rossa, Cenerini e Costantini: "Caratozzolo non perde occasione per parlare a sproposito"

La Spezia - “Non c’è che dire, il clima politico non è dei migliori negli ultimi tempi! Una sinistra silente di fronte a minacce simili a un uomo delle istituzioni, ma non sono nemmeno d’accordo sulla definizione dell’amica Stefania Pucciarelli, riguardo ai leoni da tastiera, perché trovo gravissime le minacce rivolte all’amico Gianmarco, che evocando Piazzale Loreto, possiamo definire minacce di morte, quindi tutta la mia vicinanza a Gianmarco, che ovviamente non arretrerà di un millimetro, anzi” Lo scrive il consigliere comunale di maggioranza Fabio Cenerini in merito alla vicenda della fontana di Piazza Garibaldi macchiata da un gruppo di antagonisti nei giorni scorsi.
Oltre all’atto e ai provvedimenti portati avanti dalla Polizia di Stato, Cenerini esprime solidarietà all’assessore Medusei e interviene in merito alle dichiarazioni del collega di maggioranza Massimo Baldino Caratozzolo dicendo che “l’ha fatta fuori dal vasetto”.

“Queste persone non vanno sottovalutate, anzi - scrive Cenerini - Sono degli squadristi, che compiono raid contro chi non la pensa come loro o che danneggiano il bene comune. E in consiglio comunale la sinistra continua con le mozioni sul fascismo, ovviamente su questi delinquenti non una parola. Credo sia opportuno che l’Assessore Medusei sporga querela, anche se una minaccia di morte dovrebbe essere perseguibile d’ufficio. Personaggi come questo sono un pericolo per il vivere civile e democratico, oltre al fatto che con le loro allucinanti azioni dimostrative terrorizzano i cittadini che si trovano loro malgrado coinvolti”.
“Sugli anarchici - sottolinea poi Cenerini - interviene anche il prode consigliere Massimo Baldino, che come al solito riesce a farla fuori dal vasetto. Non perde occasione per mettere di mezzo a sproposito il Sindaco Peracchini, questa volta perché dovrebbe accertare presunti maltrattamenti in carcera subiti proprio da un anarchico, che avrebbero portato alle proteste e alle azioni dissennate di questi giorni”.

“Vorrei dire al consigliere Baldino - conclude Cenerini -, che nessuno ovviamente deve essere maltrattato in carcere o durante un arresto, ma che se lui ha notizia di reati, non si deve rivolgere al Sindaco, che a quanto pare ormai è il suo chiodo fisso, ma recarsi dalla pubblica autorità e sporgere regolare denuncia dei fatti di cui è venuto a conoscenza. Sicuramente l’ultima cosa da fare è dare soddisfazione a dei delinquenti come chiede di fare Baldino al Sindaco, in seguito alle proteste e ai danneggiamenti fare quello che chiede questa masnada di disperati equivarrebbe ad istigarli a fare peggio. Complimenti per il concetto di alta democrazia consigliere Caratozzolo”.

In merito alla vicenda interviene anche il consigliere Umberto Costantini capogruppo La Spezia Popolare che in una nota scrive, intervenendo sempre su Caratozzolo: "Ancora una volta il consigliere Baldino ha perso l’occasione per tacere o quanto meno sostenere un’Amministrazione che nel giro di un’ora ha risolto un attacco non solo ai nostri monumenti nel cuore della città ma soprattutto al tessuto commerciale spezzino. Mentre è sempre pronto a coglierla per attaccare il Sindaco o la stessa maggioranza.
Pur essendo consigliere, Baldino ancora non conosce le regole del gioco democratico: è facile tirare per la giacchetta il Sindaco ogni qual volta si voglia finire sui giornali. Un po’ più difficile fare politica: si prenda a cuore a viso scoperto l’anarchia, perché di tutto si sta preoccupando meno che dei nostri cittadini o dei commercianti vittima dell’inciviltà di questi soggetti – che io definisco semplicemente dei vandali - e si rivolga direttamente al Ministero di Grazia e Giustizia facendosi portavoce delle loro istanze. Un particolare plauso, di cui forse si è dimenticato ma che il mio gruppo invece vuole sottolineare in modo chiaro, va al Sindaco per aver ripulito la fontana in tempo record, all’Assessore alla Sicurezza Medusei a cui va la nostra solidarietà per le minacce ricevute sui social e soprattutto alle forze dell’ordine e alla Questura che prontamente sono intervenute e che hanno dato il foglio di via a questi personaggi."

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News