Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 21 Agosto - ore 16.00

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Flussi elettorali, calamita Peracchini. Pesca anche a sinistra e tra gli astenuti

Nel confronto con il primo turno il candidato del centrodestra al ballottaggio ha recuperato voti da ogni parte. Un po' anche tra gli elettori di Manfredini.

Flussi elettorali, calamita Peracchini. Pesca anche a sinistra e tra gli astenuti

La Spezia - E' ancora una volta sorprendente la lettura delle stime dei flussi elettorali elaborate dagli istituti di ricerca specializzati in merito all'andamento del ballottaggio spezzino.
Il Cise (Centro italiano studi elettorali), diretto dal professor Roberto D'Alimonte, e costituito tra la Luiss Guido Carli e l'Università di Firenze, in particolare, stila un quadro (clicca qui) dal quale emergono con chiarezza le differenze tra il primo e il secondo turno delle urne cittadine.

In quindici giorni Manfredini non ha recuperato voti tra gli astenuti
Quello che colpisce maggiormente è che il candidato del centrosinistra Paolo Manfredini e la coalizione che lo ha sostenuto sembra non aver riportato a votare praticamente nessuno tra quanti si erano astenuti l'11 giugno. Uno dei cardini della strategia del recupero, dunque è stato un buco nell'acqua, così come la scelta di puntare molto degli ultimi giorni della campagna sul pericolo rappresentato dalle politiche di destra. Poco o nulla è stato guadagnato anche con la scelta di presentare cinque profili civici come componenti della giunta di nove assessori da comporre in caso di vittoria. Stando alla ricostruzione elaborata da Davide Vittori e Aldo Paparo, dall'elettorato di Guido Melley e da quello di Lorenzo Forcieri, che hanno puntato molti dei loro messaggi sull'avversione al Partito democratico, infatti, sono stati pochi i voti che sono andati a Manfredini: meno della metà tra le fila dei melleyani e una quantità irrisoria tra i forcieriani.
Al contrario più della metà dei voti che erano andati a Melley si sono trasferiti su Pierluigi Peracchini e una fetta consistente (la quasi totalità) di quelli per Forcieri hanno preso la stessa strada. Un dato che sarebbe la dimostrazione della volontà di dare un segnale forte alla classe dirigente uscente, non solamente decidendo di non votarla, ma andando a infoltire i mucchi delle schede a favore del centrodestra.
Chi ha deciso di non andare alle urne al ballottaggio è la maggioranza degli elettori di Spezia Bene Comune (gli altri si sono turati il naso e hanno votato Manfredini), mentre i sostenitori di Cristiano Ruggia si sono divisi a metà tra il centrosinistra e l'astensionismo.

Per Peracchini una spinta dagli astenuti del primo turno e dagli elettori di Forcieri e Melley. E (pochi) di quelli che avevano votato Manfredini
Peracchini, dal canto suo, non si è giovato solamente delle preferenze di melleyani e forcieriani, e di un apparentemente inspiegabile mini flusso di elettori di Manfredini al primo turno transitati dalla sua parte. Ma anche di una proficua pesca all'interno del partito dell'astensionismo del primo turno. Quella che, secondo un po' tutti gli osservatori, era una delle poche carte che Manfredini poteva giocare a suo favore, è finita nel mazzo del centrodestra. A onor del vero il rapporto tra Peracchini e gli astenuti finisce con un sostanziale pareggio, visto che non sono stati pochi, tra i suoi elettori del primo turno, coloro che sono rimasti a casa il 25 giugno, forse perché convinti di una facile vittoria. A uno dei timori dei vertici del centrodestra, dunque, è stata messa una pezza convincendo una parte degli indecisi a recarsi ai seggi per dare gambe a quel cambiamento che era ormai diventato un dogma, per tutti gli schieramenti.
A spingere il centrodestra, sempre secondo la stima di Cise Luiss, hanno contribuito anche la maggior parte degli elettori del primo turno di Giulio Guerri, che ha però visto poco più di un terzo dei suoi preferire rimanere a casa, nonostante l'apparentamento. Infinitesimale, invece, il numero di quanti sono passati dal voto a Guerri a quello al centrosinistra.

L'unicum dei grillini spezzini
Infine uno sguardo alle scelte dell'elettorato del Movimento cinque stelle. I grillini spezzini si sono divisi in tre blocchi scegliendo con una leggera percentuale Manfredini e il centrosinistra, a seguire Peracchini e il centrodestra e infine l'astensione.
Osservando la stima dei flussi elettorali elaborata in proposito dalla Fondazione di ricerca "Istituto Carlo Cattaneo" (clicca qui) gli elettori del Movimento cinque stelle spezzino sarebbero gli unici tra quelli delle città prese in esame in tutta Italia ad esser confluiti in maggior parte verso il centrosinistra, piuttosto che verso il centrodestra o l'astensione. Il Cattaneo valuta che il 47,5 per cento dei pentastellati del primo turno si sia trasferito verso Manfredini, il 30,3 verso Peracchini e il 22,2 si sia tenuto lontano dalle urne. Il grillismo spezzino si potrebbe dunque intendere come ritornato alla fase "movimentista", quella della presa sull'elettorato deluso di centrosinistra, senza però essere riuscito a fare un risultato generale accettabile.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Il flusso elettorale dei grillini tra il primo e il secondo turno http://cattaneo.org/


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure