Città della Spezia Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 19 Febbraio - ore 20.30

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Fedi (Prc): "Peracchini e Federici facce della stessa medaglia"

Fedi (Prc): "Peracchini e Federici facce della stessa medaglia"

La Spezia - “Il mio primo atto sarà non riconoscere l'atto d'interesse Acam-Iren mentre farò rispettare il risultato referendario del 2011 sul mantenimento dell'acqua pubblica”. Così esordiva in campagna elettorale l'attuale sindaco spezzino Peracchini. Sono passati otto mesi e oggi lo vediamo strenue sostenitore dell'aggregazione Acam-Iren, una scelta che già pone non pochi imbarazzi nella lista Guerri, che si apparentò con lui al ballottaggio con la scusa dei programmi e che ora dovrà chiarire se starà fuori dalla maggioranza.
Nelle grandi multiutility, come Iren, chi comanda sono banche, assicurazioni, fondi d'investimento che non hanno certo a cuore l'interesse dei cittadini, ma solo l'obiettivo di far cassa su un bene essenziale e primario come l'acqua. Inoltre la gestione di questo colosso con sede a Torino comporta la de-territorializzazione: i comuni non contano più nulla, i cittadini ancor di meno. La questione dell’acqua è sempre più un fatto di democrazia e chi pensa di trarne profitto esclude irresponsabilmente il tema dello spreco di una risorsa fondamentale per la vita umana sulla quale non è tollerabile alcuna speculazione.

Infine dove c'è stata privatizzazione non si è visto alcun aumento di efficienza nel servizio, né vi è stato incremento occupazionale, tanto che in molte città europee si è fatto marcia indietro. Infatti meno personale e meno investimenti significa più utili ai soci: sbandierare ancora una volta che questa operazione porterebbe beneficio ai lavoratori è un'enorme farsa, già messa in scena e diretta dai predecessori di Peracchini, ossia il Pd di Federici. Il piano di ristrutturazione del debito depositato da Acam in tribunale non prevedeva l'aggregazione con Iren o altro soggetto: ciò sta a significare che l'unico interesse che spinge oggi i sindaci attiene unicamente alla esigenza delle banche creditrici di Acam.
Velocizzare il pagamento del debito, escludendo ogni ipotesi di gestione di un bene comune, è una prerogativa inaccettabile che subordina una risorsa fondamentale agli interessi della finanza. Ciò porta all'ovvia conclusione politica, che da anni denunciamo fuori e dentro i banchi dei consigli comunali: l'operazione, studiata e voluta dal Pd, viene ora conclusa dal centrodestra totian-leghista, a conferma che si tratta di due facce della stessa medaglia, quella degli affari e degli interessi della finanza e non della collettività, per i quali un sindaco, di qualsiasi colore sia, dovrebbe esclusivamente lavorare".

Verusckha Fedi,
segretaria provinciale Rifondazione Comunista La Spezia

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia










I SONDAGGI DI CDS

Matteo Salvini ha proposto la reintroduzione della leva obbligatoria per i giovani maschi. Tu che ne pensi?
































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News