Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Domenica 25 Agosto - ore 13.37

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Federici: "Questo 2013 sarà l'anno del cambiamento"

"Via a quei cantieri che daranno lavoro e faranno più bella la città", scrive il sindaco. "Basta con la cultura del mugugno, siamo ad un bivio: rinnovamento o conservazione".

Federici: "Questo 2013 sarà l'anno del cambiamento"

La Spezia - "La città è nelle condizioni di reagire e andare con fiducia verso il proprio futuro. Quando la crisi mollerà la sua presa, Spezia potrà ripartire meglio e prima di tanti altri territori. Perché è stato fatto un lavoro e sono stati impostati programmi corposi nella giusta direzione. A una condizione indispensabile, però: aprirsi ed essere più propensi al cambiamento." Scrive così il sindaco della Spezia Massimo Federici in un messaggio di inizio anno che rivolge a tutti cittadini.
"Ci sono ambienti dell'economia e della società civile cittadina affezionati alla lamentazione e al mugugno, una "cultura" che rischia di essere letale con le sue tossine di rassegnazione e accidia. Sappiamo di essere gente capace di prove non ordinarie e, senza enfasi o retorica, il nostro orgoglio deve finalmente emergere dall'ombra. Questa è la sfida culturale, lo spirito con cui, con la mia Amministrazione, affronteremo il nuovo anno.
Tutti, e in particolare chi ha più bisogno, chi è più debole ed esposto ai rischi della marginalità, chi subisce di più i feroci contraccolpi di questa crisi, non ha bisogno di scenari illusori, ma di una politica che sappia unire onesta concretezza e coraggioso rinnovamento. Il 2013 sarà l’anno in cui imprimeremo una forte accelerazione a tutti i nostri programmi. Ci impegneremo senza tentennamenti. Il tempo è importante e non va sprecato.
Ma il Comune non basta. Ci vuole la comunità tutta, coralmente partecipe di uno slancio aperto al cambiamento. Perché il vecchio mondo non tornerà e ce la farà chi lo capisce per tempo. I tanti che già hanno messo in campo spirito di iniziativa devono crescere, diventare sempre di più coloro che sono disposti a riconvertirsi e a guardare a ciò che rappresenta nuove opportunità. Spinte, tensioni al cambiamento positive che troveranno sempre in me e nell’Amministrazione una sponda.
Già nel corso del 2012, l'attenzione verso la città di importanti imprenditori ha fatto finalmente emergere visioni positive e offerto un dato di fiducia che incoraggia, imprimendo valore aggiunto in termini di forza e competitività. La priorità infatti è il lavoro. Quello dipendente, quello precario, quello duro dei tanti piccoli imprenditori o commercianti, quello da costruire per le giovani generazioni. Tecnologie, turismo, ambiente e territorio, le tipicità, il sapere e la formazione. Questi gli assi su cui puntare. E qualità ed eccellenza, in ogni campo. Anche qualità della vita, perché la nostra è una bellissima città che non smette di investire su sé stessa, sulle politiche culturali, sul suo tessuto commerciale, sulla sua mobilità, per adattarsi a tempi e abitudini di vita che cambiano, per essere più accogliente, competitiva e al passo con le esigenze dei cittadini.
Cercare di tenere il mondo chiuso fuori dalla porta è impossibile. E dannoso. E’ togliere respiro alle forze più vitali, soffocare il futuro in nome di un rassicurante decorso tipico di quei vecchi egoisti che non riescono a guardare oltre se stessi. Abbiamo bisogno di coraggio e generosità, non di una illusoria e mefitica tranquillità. Bando allora ai mille conservatorismi di maniera, che si nascondono anche sotto un sedicente ambientalismo o un pseudo identitarismo culturale.
Il 2013 sarà l’anno in cui apriranno tanti nuovi cantieri capaci non solo di dare lavoro, ma di cambiare, ammodernare, rendere più bella, più vivibile e più attrattiva la nostra città. E sarà anche l’anno in cui in cui si vedranno i primi segni di un programma di promozione della città che punta a fare di Spezia una città europea, più fiduciosa delle proprie possibilità e che così si propone all’esterno.
Sul waterfront daremo concreti e fattibili segnali di avanzamento. Entro il mandato vorremmo raggiungere una soluzione all’annoso problema dell’accesso al mare per la città, lasciare al sindaco che verrà dopo di proseguire un percorso saldamente incardinato e già approdato a primi concretissimi risultati. Voglia di intelligenza, rischio, sperimentazione e, insieme, senso di comunità, tradizione, territorio, ambiente. Così la città si conquisterà un ruolo forte, potrà offrire lavoro e nuovo benessere. Una concreta possibilità per le giovani generazioni di vivere qui e bene.
Questa la direzione di marcia. Sono il Sindaco di tutti, a servizio della mia comunità, quella che c’è e quella che verrà, ma la mia politica non intende essere il punto di riferimento di tutti. Non mi interessa la compagnia dei conservatori, ma catalizzare le forze del cambiamento. Sono aperto all’ascolto e alla condivisione con tutti coloro che vogliono innovare, a partire dai giovani. Il discrimine sta qui.
Siamo a un bivio ed è il momento di scegliere, rinnovamento o conservazione".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News