Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 20 Agosto - ore 14.49

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Ex Sio, Sorrentino: "Potrebbero nascere nuovi posti di lavoro"

Nella sfilza delle interpellanze "LeAli a Spezia" batte sul tema del momento: il progetto di una grande superficie di vendita di prodotti per il bricolage alla Pianta. Mentre Caratozzolo e Asti si scontrano sul monumento per le vittime dell'amianto.

Melley al Comune: "Dite cosa volete fare"
Ex Sio, Sorrentino: "Potrebbero nascere nuovi posti di lavoro"

La Spezia - Con la decadenza della variante generale al Puc del 27 dicembre scorso e la richiesta di attivazione del Puo da parte di Talea immobiliare del 9 gennaio il progetto di realizzazione di un supermarket del bricolage nell'area ex Sio della Pianta è ritornato a far parlare di sé. A tener vivo il tema, negli ultimi giorni, ci hanno pensato le dichiarazioni di alcuni esponenti dell'opposizione e l'annuncio del deposito di una proposta di variante da parte del gruppo di maggioranza "Per la nostra città".

L'ultimo momento di approfondimento è andato in scena ieri sera, nel corso della seduta del consiglio comunale, quando l'assessore all'Urbanistica, Anna Maria Sorrentino, ha risposto all'interpellanza depositata oltre un mese fa dai consiglieri Guido Melley e Roberto Centi, del gruppo "LeAli a Spezia".
"Ci attendevamo di trovare anche la questione dell'ex Sio tra le varianti al Puc in discussione stasera. Tutto tace, ma in realtà tutto si muove - ha detto Melley -. Entro i primi di marzo dovranno essere depositate le osservazioni su un Puo che prevede la realizzazione di 5mila metri quadrati di fabbricati, in larga parte a uso commerciale. Oggi sappiamo di una proposta di variante da parte di un gruppo della maggioranza, ma assistiamo parallelamente all'inerzia dell'amministrazione".
"L'iter - ha replicato Sorrentino tracciando il quadro della situazione - è ripreso con la richiesta di riattivazione da parte della proprietà. Ora siamo nella fase delle osservazioni, ma sono previsti anche la riattivazione del percorso di Vas e il parere della Soprintendenza, oltre al parere vincolante di stampo commerciale da perte della Regione. Intanto abbiamo chiesto a Talea di svolgere l'analisi di rischio e la caratterizzazione dell'area. Quindi è tutto in fase istruttoria, le variabili sono molteplici. Ricordiamo che oggi l'area, che si trova in un zona industriale all'ingresso della città, è degradata e abbandonata ed è stata utilizzata in passato come ricovero abusivo. Oltre ai problemi inerenti alla sicurezza, si profila anche un danno ambientale. La realizzazione del progetto, dunque, potrebbe essere un miglioramento delle condizioni dell'area, anche dal punto di vista della viabilità, e potrebbe portare a nuovi posti di lavoro".
Nel prendere atto della situazione, Melley ha chiesto maggiore chiarezza sugli intenti dell'amministrazione: "Dite cosa volete fare, quale è la vostra opinione in merito".

Nell'elenco delle interpellanze, tra richieste di maggiore illuminazione e di installazione di dissuasori, c'è stato anche spazio per uno scambio tra l'assessore alla Cultura e alla Toponomastica, Paolo Asti, e il consigliere Massimo Caratozzolo, che aveva chiesto i motivi della mancata collocazione del monumento alle vittime dell'amianto sul Molo Italia.
"Da sempre - ha esordito Caratozzolo - il nostro gruppo si è fatto portavoce delle vertenze dei familiari delle vittime dell'amianto e riteniamo che un monumento possa essere utile per ricordare il tributo dato dalla città alle patologie legate all'asbesto. Nel maggio 2016 venne approvato un documento presentato dall'allora consigliere Giulio Guerri. Nel frattempo l'Associazione famiglie esposti amianto ha realizzato il monumento a sue spese, ma ancora non è stato dato il via libera all'installazione. La situazione sì può sbloccare o dovremo ricordare le vittime delle amministrazioni non sensibili al tema delle vittime dell'amianto?", ha concluso provocatoriamente il consigliere.
"Siamo ben consci di quanto il mesotelioma pleurico sia subdolo e letale e di quanta sofferenza abbia causato nel nostro territorio. Abbiamo una piazza dedicata a Piero Pozzoli, imprenditore illuminato che contrasse l'asbestosi nella sua Ceramiche Vaccari. E molte sono le vicende legate ad altre realtà della Val di Magra. Pertanto un monumento con la prua di una nave che richiama solamente il rapporto tra la malattia, il mare e la Marina militare ha sollevato qualche dubbio. Ma noi, come amministrazione, non abbiamo cambiato idea. I pronunciamenti della commissione comunale competente sono del febbraio e dell'aprile scorsi, prima che ci insediassimo. Non c'è stato un cambio di rotta nostro, ma i tecnici si sono espressi per ben due volte. Non abbiamo compiti e responsabilità sotto il profilo tecnico su questa questione e non riteniamo di dover fare alcuna pressione sugli organi tecnici su un parere espresso identico per due volte. Infine, ricordo che abbiamo già un'opera della spezzina Corsini, che ricorda tutti i caduti del lavoro".
Una replica senza appello, quella di Asti. "Rimango esterrefatto dal parere delle commissioni e dal fatto che si percepisca la gravità inaudita di tutto questo", ha concluso Caratozzolo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia










Ecco lo Spezia 2018/19, che campionato farà?


































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News