Città della Spezia Liguria News Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 22 Febbraio - ore 17.53

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Ecco i testa a testa per Camera e Senato, ne passerà solo uno

Definiti i nomi dei candidati nei collegi uninominali che comprendono la provincia spezzina: Gagliardi-Caleo-Sommovigo in lizza per Montecitorio, Pucciarelli-Michelucci-Steardo per Palazzo Madama.

Chi sono
Ecco i testa a testa per Camera e Senato, ne passerà solo uno

La Spezia - E' completo, almeno per quel che riguarda gli schieramenti principali, il quadro delle sfide che andranno in scena nel collegio uninominale della Camera e del Senato che comprende la provincia spezzina.

Nella corsa per Montecitorio gli elettori spezzini troveranno sulla scheda il nome del vicesindaco spezzino Manuela Gagliardi per il centrodestra e quello del senatore uscente Massimo Caleo per il centrosinistra, mentre per il Movimento cinque stelle è stata annunciata oggi la candidatura di Lucia Sommovigo, che si aggiunge a quelle dell'ex consigliere comunale Edmondo Bucchioni per Potere al popolo e dell'attuale consigliere comunale Luigi Liguori, eletto nella lista a sostegno del socialista Paolo Manfredini e oggi esponente di Liberi e uguali.
Trovano conferma, dunque, le voci che vedevano vacillare le possibilità di candidatura per il popolare Andrea Costa per il centrodestra (ma la situazione si è sbloccata: vedi QUI) e quelle, che avevano iniziato a circolare nella giornata di sabato, di una chance per l'avvocatessa quarantenne numero due di Palazzo civico, figura di fiducia del presidente della Regione Giovanni Toti e dell'assessore Giacomo Giampedrone.
Stando ai sondaggi, Gagliardi dovrà temere più degli altri il testa a testa con l'ex sindaco di Sarzana Caleo, che ha ottenuto la possibilità di giocarsi il secondo mandato nel collegio per la Camera, in cui il Pd è più competitivo che in quello per Palazzo Madama.
Il ruolo di terzo incomodo e outsider sarà giocato da Lucia Sommovigo, attivista pentastellata di lungo corso con una laurea in Filosofia in tasca che ha accettato la proposta dello staff del Movimento.
Faranno di tutto per cercare di sovvertire i pronostici i due candidati della sinistra: il medico Liguori, sostenuto da Liberi e uguali, e il vigile del fuoco Bucchioni, esponente di Potere al popolo.

La corsa per il Senato vedrà impegnati Stefania Pucciarelli per il centrodestra, Juri Michelucci per il centrosinistra, Fulvia Steardo per il Movimento cinque stelle, Laura Canale per Liberi e uguali e Catia Castellani per Potere al popolo.
La consigliera regionale della Lega nord ha dunque passato indenne gli scossoni che hanno interessato le candidature del centrodestra in Liguria, come, del resto, gli altri colleghi di partito, rimasti ben saldi nei posti che erano stati annunciati informalmente dagli organi di stampa.
Ha invece sorpreso la candidatura dell'avversario in Via Fieschi, Michelucci. La terna dei nomi spezzini prevedeva infatti che oltre a Caleo e Raffaella Paita (capolista del proporzionale alla Camera) ci fosse il ministro Andrea Orlando, che è stato invece collocato come capolista del proporzionale nel collegio di Parma, Piacenza e Reggio Emilia. Per il Guardasigilli uscente si tratta di una candidatura con maggiori possibilità di elezione, sebbene al di fuori dei confini territoriali di appartenenza, ma la preponderanza schiacciante della componente renziana a livello nazionale (nonché a livello spezzino) ha fatto storcere il naso a molti, compreso lo stesso Orlando. Gli equilibri interni al partito in provincia non cambieranno, presumibilmente, al momento dell'apertura delle urne, ma, a seconda del risultato finale, i mal di pancia di queste ore potrebbero portare a conseguenze pesanti.
Pronta ad approfittare della situazione ingarbugliata per il centrosinistra è la grillina Steardo, avvocatessa chiavarese poco conosciuta sul territorio spezzino, ma forte della spinta data dal simbolo del Movimento (anche perché, lo ricordiamo, sulla scheda non è possibile fare voto disgiunto tra l'uninominale e il proporzionale).
Completano il novero dei candidati degli schieramenti più importanti Canale, nota per la pluridecennale esperienza nei programmi e progetti europei in Regione Liguria, per Liberi e uguali e la docente Castellani, che corre per Potere al popolo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia










I SONDAGGI DI CDS

Matteo Salvini ha proposto la reintroduzione della leva obbligatoria per i giovani maschi. Tu che ne pensi?
































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News