Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Sabato 28 Novembre - ore 21.30

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

De Benedetto: "Sinistra vicina a chi vive il disagio economico: ne comprendiamo le ragioni"

De Benedetto: "Sinistra vicina a chi vive il disagio economico: ne comprendiamo le ragioni"

La Spezia - "Rispetto al segnale di grande malessere economico che molti cittadini italiani stanno esprimendo nelle piazze, la politica ha il dovere morale di di ascoltare. Poco importa se l’estrema destra prova maldestramente ad intestarsi la paternità politica di quelle istanze, vorrà dire che sarà annoverata tra gli schieramenti partitici che non evitano le strumentalizzazioni neppure dinnanzi ad uno stato di emergenza conclamata". Così Nicola De Benedetto, membro della segreteria regionale di Sinistra italiana, interviene nel dibattito che riguarda le proteste di piazza che negli ultimi giorni hanno visto protagonisti i titolari di bar e ristoranti in molte città italiane, con alcune frange estremiste che hanno messo a ferro e fuoco strade, cassonetti e vetrine.

"E’ vero invece - prosegue De Benedetto - che la grande crisi sociale esplosa con l’evoluzione dell’epidemia sta rappresentando una società sempre più divisa tra chi detiene grandi risorse economiche e chi ormai ha problemi di accesso al reddito e ai servizi primari. Non è pensabile che le difficoltà dei commercianti onesti, delle partite Iva, dei liberi professionisti in crisi e dei lavoratori dipendenti siano derubricate perché non inquadrabili in una dimensione ideologica riconoscibile. Le loro difficoltà evocano direttamente la dimensione politica, non solo perché rappresentano la complessa relazione tra le ragioni dell’inquadramento sanitario e le dinamiche economiche, ma soprattutto perché sono il sintomo delle grandi ingiustizie sociali che attraversano il nostro tempo.
E’ dunque naturale che mentre i grandi gruppi industriali, guidati da Confindustria, chiedono sostegno al Governo per poi delocalizzare produzione e fiscalità, i lavoratori effettivi rivendichino il diritto di esternare tutta la loro sofferenza sociale. Compito della politica è quello di comprendere le loro ragioni e di dare risposte immediate alle urgenze economiche incombenti, non dimenticando che i ceti più deboli vanno sempre tutelati e che la serietà con cui viene declinato l’inquadramento sanitario costituisce la strada più rapida per risollevare il nostro sistema economico", conclude.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News