Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 19 Gennaio - ore 15.20

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Comune, le opposizioni: "Tensioni a non finire tra le fila della maggioranza"

"clima di conflittualità"
Comune, le opposizioni: "Tensioni a non finire tra le fila della maggioranza"

La Spezia - "Abbiamo assistito attoniti alle indebite interferenze della Lega nel recente rimpasto delle nomine assessorili, con il Sindaco scavalcato platealmente dalla sen.ce Pucciarelli e esautorato delle sue prerogative. Abbiamo avuto poi eco dei retroscena rissosi che hanno portato all’abbandono dell’ex Ass. Asti a conferma di un clima di conflittualità presente da molto tempo all’interno della stessa Giunta". E' quanto si legge in una nota Le Ali a Spezia, Italia Viva, Partito Democratico, Partito Socialista, Spezia bene Comune, Spezia Bella forte e unita, Movimento cinque stelle che prosegue: "Per non parlare della campagna acquisti che il partito di Toti e Peracchini- Cambiamo- ha messo in atto da mesi, arruolando assessori transfughi (Casati) e consiglieri comunali voltagabbana dell’ultima ora. Un quadro davvero desolante che registra quotidianamente tensioni e strappi nelle fila della maggioranza che vanno a discapito dell’azione amministrativa e di governo della città. Negli ultimi giorni c’è stato un vorticoso avvicendamento nelle presidenze delle commissioni consiliari che è figlio della resa dei conti in seno a questa maggioranza".
"Cenerini, bocciato sonoramente nelle sue recenti aspirazioni regionali, si è insediato a capo della commissione lavoro in sostituzione del neo assessore Frija (FdI), dimostrando sin da subito poco rispetto alle richieste dei nostri gruppi in merito alla necessità di avviare un rapido confronto su una vertenza occupazionale delicata come quella che riguarda più di 230 lavoratori della ex Call & Call - prosegue -. Vi sono state poi due dimissioni dalla presidenza di altrettanti organismi, come quella di Frascatore (Cambiamo) dalla 4^ commissione sanità sostituito dal collega di partito Teja e quella di Tarabugi (ex Spezia Popolare ed ora approdato anche lui in Cambiamo) dalla 2^ commissione urbanistica ed ambiente. Questa ultima decisione, peraltro sollecitata da tempo da molti di noi per evidente incapacità nella conduzione della medesima commissione, è in realtà figlia dei problemi che abbiamo evidenziato come opposizioni sul piano del possibile conflitto d’interessi dello stesso Tarabugi (assunto di recente in una società partecipata del Comune senza aver rassegnato doverosamente le dimissioni dal ruolo di consigliere comunale) e degli scontri in atto nella stessa maggioranza, dove le forze moderate (come Spezia Popolare in primo luogo) rivendicano un riequilibrio degli incarichi di governo a discapito del predominio totiano".
"Insomma - conclude la nota - un pasticcio dopo l’altro, con la città che rimane ferma al palo senza idee e scelte chiare per lo sviluppo del nostro territorio".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News