Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 12 Dicembre - ore 22.18

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Commercio, in arrivo il "pugno duro contro mini market e circoli"

L'amministrazione, con gli assessori Brogi e Medusei, sta elaborando un nuovo Piano del commercio che assorbirà nelle zone A e B le normative già applicate a Pisa, Lucca e Firenze. La delibera andrà in giunta nell'anno nuovo.

Commercio, in arrivo il `pugno duro contro mini market e circoli`

La Spezia - Con l'inizio del 2018 il Comune intende imprimere un giro di vite nei confronti di mini market e circoli in città. Il nuovo Piano del commercio al quale stanno lavorando da tempo l'ufficio Commercio e la Polizia municipale, su indicazione degli assessori Lorenzo Brogi e Gianmarco Medusei, prevederà infatti il divieto di nuove aperture di queste tipologie di esercizi nelle zone A e B, corrispondenti al centro storico e all'area che da Viale Garibaldi si estendo sino al Quartiere Umbertino. Il provvedimento, che prende le mosse da iniziative simili adottate a Lucca, Pisa e Firenze, si basa sulla normativa varata elaborata dal governo a partire dalla metà del 2016 per consentire ai sindaci di "vietare o subordinare ad autorizzazione l’esercizio di attività commerciali non compatibili con le esigenze di tutela e valorizzazione del patrimonio culturale in zone di particolare valore archeologico, storico, artistico e paesaggistico".

La delibera contenente il Piano potrebbe essere portato in giunta a gennaio del prossimo anno per poi essere discussa in commissione e in consiglio comunale e mirerà a impedire le nuove aperture, mentre nulla o quasi potrà nei confronti delle concessioni esistenti, se non bloccare il costume di quanti presentano istanza di riapertura nei casi di chiusura per doppia sanzione grave cambiando semplicemente ragione sociale e partita Iva, proprio in ragione del fatto che non saranno consentite nuove attività.
Per quanto riguarda le richieste di aperture ex novo, queste saranno sottoposte a parere vincolante da parte del Comune.
Il dispositivo ha retto ai ricorsi nelle tre città toscane, i cui centri storici sono patrimonio Unesco, ma nell'amministrazione spezzina c'è la convinzione che possa essere applicato anche alla Spezia.
"Siamo disponibili al pugno duro per arginare il fenomeno. Stiamo lavorando sul nuovo regolamento - affermano da Palazzo civico - e la Polizia municipale sta effettuando controlli costanti nei confronti di quanti aprono in questo periodo con le norme vigenti, per esempio per quanto riguarda il rispetto delle prescrizioni sull'arredo dei locali, la vendita di alcolici ai minori, il rispetto dell'igiene e dei limiti di rumorosità, sia per i mini market che per i circoli. L'obiettivo è quello di non permettere più apertura selvagge di attività indecorose e non in linea col patrimonio storico della città".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure