Genova Post La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Venerdì 06 Dicembre - ore 14.30

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Centi e Melley: "Waterfront, Peracchini procede a tentoni. Per ora solo passerelle"

Duro intervento dei consiglieri di LeAli a Spezia: "Sindaco smentito dal suo stesso assessore".

"Demagogia su scuola Pellico"

La Spezia - “E’ emersa in modo deflagrante l’assenza di idee della maggioranza sui progetti legati al nuovo waterfront. Peracchini avanza a tentoni, delega ad altri soggetti- l’Autorità Portuale, la Regione e lo stesso Governo- le scelte fondamentali, non assume su di se e sul Comune il ruolo di regia di una progettazione urbanistica definita e compiuta. Il Protocollo d’Intesa stipulato quasi un anno fa tra Comune, AdSP, Regione, Demanio e Ministero appare sempre di più come uno specchietto per le allodole". Lo dichiarano Guido Melley e Roberto Centi, consiglieri del gruppo di opposizione LeAli a Spezia.

"Su tutto il versante del fronte a mare cittadino manca un vero e proprio Masterplan redatto dal Comune, un disegno urbanistico organico e coerente che metta insieme la stazione crocieristica, le funzioni allocabili su Calata Paita liberata dal porto commerciale e l’asse di collegamento tra il centro storico e l’affaccio a mare su passeggiata Morin. La verità - puntualizzano Melley e Centi- è che i tempi e le caratteristiche degli investimenti pubblico-privati dichiarati sono poco chiari e dilatati nel tempo in modo indefinito. Il gruppo Contship sta facendo resistenza ad investire sul l’ampliamento del molo Garibaldi e non libererà a breve Calata Paita; il nuovo molo e relativo terminal crocieristico vedranno la luce tra diversi anni; la procedura per la sdemanializzazione della stessa Calata Paita è solo agli inizi ed irta di ostacoli".

"Vi è poi il tema delle funzioni - continuano - che Peracchini ha dichiarato più di un anno fa di voler allocare su Calata Paita restituita alla città e libera dai container. Un hotel a 5 stelle ed una struttura destinata ad apart-hotel, residenze (con quali volumetrie ?), una piscina con acquario didattico, per non parlare della demagogica idea di trasferire li la scuola S. Pellico.”

Concludono i consiglieri: “Per ora siamo solo alle passerelle elettorali di Toti e Giampedrone. Ed al libro dei sogni di Peracchini, come ha ammesso in Commissione lo stesso assessore all’urbanistica Sorrentino, smentendo il suo Sindaco.”

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News