Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Sabato 19 Settembre - ore 21.30

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Cenerini (FI): "Riprendiamoci i voti di Lega e Fratelli d'Italia"

Il candidato azzurro: "Facile parlare di barricate. Certi alleati fanno grandi proclami, ma nei fatti le cose non cambiano".

"Certe idee le sostenevo ben prima del Carroccio"

La Spezia - Competizione tra alleati? Sì, grazie. Fabio Cenerini, capogruppo in consiglio comunale e responsabile provinciale di Forza Italia, cala il carico domenicale a ventiquattr'ore dalla presentazione dei candidati spezzini della lista congiunta di Liguria Popolare e azzurri, a sostegno di Toti. “Presentata la lista – scrive in una nota Cenerini -, dobbiamo guardare a tutto l’elettorato di centrodestra! Forse qualcuno non si è accorto che l’Italia è cambiata, e molto, negli ultimi dieci quindici anni, siamo passati da un paese di moderati a un paese di incazzati e l’area cosiddetta di centro, da un 30-40 per cento, è passata al 10 di oggi. Non mi ritengo un moderato, ma un uomo di una destra istituzionale. Forza Italia ha da anni al suo interno persone che incarnano questa posizione, come Maurizio Gasparri, e, fino alla sua prematura scomparsa, il mio compianto amico Altero Matteoli, quindi dobbiamo guardare a riprenderci anche quei consensi che sono approdati alla Lega o a Fratelli d'Italia, iniziando dalla nostra provincia”.

E come mai “oggi l’Italia è un paese di incazzati, altro che di moderati”? Perché, continua Cenerini, “l’immigrazione incontrollata voluta dalle sinistre sta destabilizzando il paese, ma è in vigore il buonismo a prescindere, che ormai ha contagiato anche qualche moderato dalla nostra parte e si sta trasformando in cattiveria verso gli italiani che non ce la fanno. Rette degli asili gratuite e case popolari ormai sono appannaggio soltanto degli immigrati, anche arrivati l’altro ieri, purtroppo pure dove governiamo noi, che, specialmente tramite alcuni partiti alleati, facciamo grandi proclami e poi nei fatti non cambiamo le cose nemmeno quando è di nostra competenza, sicuramente è più facile ed efficace dire pronti alle barricate se ci mandano altri clandestini! Un esempio eclatante: sto fermando il regolamento sull’edilizia pubblica in Comune alla Spezia, perché due anni fa è stata bocciata la legge regionale per incostituzionalità e invece di riproporla con qualche accorgimento, ma in modo da dare una possibilità agli italiani poveri, è stata svuotata e passata ai Comuni per i regolamenti attuativi. Tengo a sottolineare che l’assessore competente in giunta, non è di Forza Italia! Dunque chi siederà in consiglio regionale dovrà procedere a variarla ed è per questo che è importante che ci siano persone determinate come il sottoscritto. Quindi chiedo la preferenza per Cenerini anche agli elettori della Lega e di FdI, che su questi argomenti vogliono che venga portato avanti quello che sostenevo ben prima dell’ascesa della Lega”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News