Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 18 Marzo - ore 23.02

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Bilancio, le opposizioni: "Strappi e forzature di sindaco e maggioranza. Guerri inadeguato"

Ancora problemi tra i capigruppo
Bilancio, le opposizioni: "Strappi e forzature di sindaco e maggioranza. Guerri inadeguato"

La Spezia - "Ci risiamo. Il sindaco Peracchini e la sua maggioranza - dichiarano all’unisono i capigruppo di opposizione Federica Pecunia, Guido Melley, Paolo Manfredini, Lorenzo Forcieri e Luigi Liguori - hanno deciso di comprimere la discussione e l’approvazione del Bilancio di previsione del 2019 a due sole sedute di consiglio ravvicinate tra di loro, un giorno dopo l’altro". Il clima in vista dell'approvazione della delibera sul bilancio di previsione 2019 - 2021 non si rasserena all'interno del consiglio comunale spezzino e gran parte della minoranza ritorna a lamentare la condotta degli avversari di centrodestra e del sindaco Peracchini, che detiene la delega al Bilancio.

"Si è prodotto l’ennesimo sfregio al confronto istituzionale - continuano gli esponenti del centrosinistra - e soprattutto è emersa una dichiarata volontà di procedere con forzature e a colpi di maggioranza per sottrarsi ad un vero confronto, aperto e trasparente, sul provvedimento più importante: il bilancio con le previsioni di entrate e spese, che deve evidenziare i programmi, gli investimenti e tutte le attività di un anno.
Avevamo contestato già in sede di Commissione tale atteggiamento di chiusura - incalzano le opposizioni - e proprio nell’ultima seduta abbiamo assistito ad una serie di risposte evasive e opache da parte del sindaco sui tanti temi che abbiamo posto in discussione (dagli investimenti in opere pubbliche, ai costi del personale e alle nuove assunzioni su cui nulla è trapelato, fino alle spese per il welfare e il Trasporto pubblico locale)".

"Quest’oggi si è consumato l’ennesimo strappo - concludono Pecunia, Melley, Manfredini, Forcieri e Liguori - con una riunione di capigruppo dove è emersa anche l’inadeguatezza del presidente del consiglio Guerri, sempre più schiacciato dai diktat di una maggioranza sorda ad ogni richiamo istituzionale e purtroppo oramai incapace di guidare i lavori del consiglio nel pieno rispetto dei tempi e soprattutto delle prerogative delle minoranze.
Come gruppi di opposizione valuteremo quali iniziative assumere ma nel frattempo ci chiediamo - e chiediamo al sindaco - a chi giovi spaccare il consiglio comunale quando comunque i voti della maggioranza sono dalla parte di questa giunta. Cui prodest, direbbero i latini, ma temiamo che i nuovi “servitori delle istituzioni” che hanno “preso” il Comune non sappiano cosa significhi".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News