Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 29 Settembre - ore 22.15

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Battistini (Lc): "Reparti senza primario e stop contributi disabili gravi. Toti e Viale, che faccia di bronzo"

sanità

La Spezia - "Il Presidente Toti annuncia l'Assessorato ai bambini per la prossima legislatura. L'Assessore Viale invita i candidati a una maggior attenzione nei confronti del sociale. Certo che entrambi hanno una bella faccia di bronzo! Qualche esempio per dimostrarlo? La Neuropsichiatria infantile di Asl5 è in difficoltà da anni. La mancanza di personale non le consente di prendere in carico, efficacemente, tutto il bacino d'utenza e dunque le liste d'attesa si allungano a dismisura, sempre di più. Inoltre, dallo scorso marzo, i servizi sono chiusi e le visite bloccate. Un danno enorme per i bambini e le loro famiglie. La pediatria è senza primario come l'ostetricia e ginecologia del resto. I reparti dedicati alla nascita e alla cura dei bambini sono in difficoltà di organico. Mancano i medici (almeno tre ginecologi, per esempio) e infatti il Pronto Soccorso pediatrico non funziona come dovrebbe e le guardie ginecologiche stanno per essere appaltate ai privati". Lo afferma in una nota Francesco Battistini, candidato al consiglio regionale con Linea condivisa, a sostegno di Ferruccio Sansa.

"Non basta ancora per definire lo sdegno nei confronti di questa Giunta chiacchierona ma inconcludente? Allora - prosegue - aggiungiamone ancora un paio, che hanno toccato le famiglie con minori o con disabili. Il primo sono i due bandi per il sostegno economico, durante il COVID, ai bambini, ragazzi e persone con disabilita’ per l'acquisto dei supporti digitali, bandi che hanno avuto una genesi a dir poco difficile. Troppo complesso accedere, con una quantita’ di informazioni da fornire che andava ben oltre la giusta prudenza per l’erogazione di fondi pubblici, la mancanza di comunicazione sull’esito dell’istruttoria, con i beneficiari che hanno dovuto, autonomamente, andare alla ricerca della graduatoria che non e’ stata loro comunicata, e i rimborsi economici hanno iniziato ad essere erogati con quasi 4 mesi di ritardo da quando le famiglia hanno dovuto anticipare le spese, e comunque a lockdown, fortunatamente, terminato da tempo".

"Ultime chicche - conclude -, sempre a proposito di disabilita’, sono il taglio dei contributi per i progetti di vita indipendente, e blocco dell’erogazione del contributo per le gravi disabilita’, un taglio e un blocco che, per altro, erano stati negati dall’Assessore Viale, in Consiglio regionale, a seguito di nostre precise e circostanziate richieste; due NO sdegnati ai dubbi che avevamo avanzato salvo, poche settimane dopo, scoprire che sia il taglio, piuttosto consistente, che il blocco dei contributi sono arrivati puntualissimi. Non e’ questa la Liguria che vogliamo e ci meritiamo! Vogliamo una Regione che guardi e agisca con gli occhi dei piu’ deboli e dei piu’ bisognosi di assistenza, perche’ questo e’ il primo dovere di chi amministri: aiutare i cittadini a superare difficolta’ e rischio di emarginazione".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News