Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 25 Novembre - ore 22.21

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Avantinsieme e più Europa: "Su Borgo Baceo vizi e vezzi della vecchia politica"

La Spezia - "La vicenda di Borgo Baceo, questo sconosciuto ottocentesco agglomerato di case e di cascine, ultima testimonianza di un passato agricolo, ormai scomparso nella vegetazione e nel degrado, sta facendo montare le barricate all'opposizione in consiglio comunale, che avversa il progetto della costruzione di due torri di dieci piani nell'area.
Assistiamo per l'ennesima volta a prese di posizione in extremis, quando il percorso ormai è già avviato, e difficilmente le parti torneranno sui loro passi, e ciò denota, da una parte l'assenza di strumenti partecipativi e propositivi fra la cittadinanza e l'amministrazione, mentre dall'altra, la totale mancanza di visione degli amministratori pubblici. Malgrado negli ultimi quarant'anni la città abbia perso 28.000 abitanti, è sotto gli occhi di tutti lo scempio che si è fatto delle colline circostanti, così paradossalmente continuiamo ad assistere alla desertificazione del centro cittadino, dove sono più facilmente disponibili e fruibili i servizi, mentre fioriscono disordinatamente in una periferia priva di servizi nuovi insediamenti abitativi.
La risposta del consigliere Corbani denota esattamente come chi si era posto al governo cittadino con una posizione di rottura di fronte alle passate giunte, è finito con il compiere gli stessi errori, tenendo i medesimi atteggiamenti del passato. Lasciare un immobile nel degrado, anche se privo di valenza storica ma con connotati che possono essere l'ultima valida testimonianza di un passato che non c'è più, è un errore che troppe volte le amministrazioni di questa città hanno compiuto, e senza tornare troppo indietro nel tempo, quando al principio degli anni '80 venne demolita la Casa del Sale, l'ultimo episodio della scampata demolizione dell'antica casa torre di via Biassa, ne è il paradigma.
Senza essere ideologicamente contro il cemento, ma a favore di un corretto sviluppo urbanistico che eviti gli scempi delle aree boschive e che elimini la cesura esistente fra il centro cittadino e le periferie, il vecchio e sconosciuto borgo rurale in rovina sarebbe potuto essere il soggetto di un intelligente progetto di rigenerazione urbana, con un percorso che avrebbe posto in essere la sinergia fra il pubblico e il privato. Ma la vecchia politica ha deciso di sbarazzarsi dell'urbanistica pensando che, una volta risolte le beghe delle sperequazioni dei vecchi piani regolatori, si potesse procedere all'infinito sempre nello stesso modo, e invece le città sono in continuo mutamento e all'interno di questo mutamento che si devono trovare le soluzioni migliori dal punto di vista della sostenibilità ambientale, economica e con un occhio proteso verso l'architettura".


Avantinsieme
Più Europa Più La Spezia

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News