Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 18 Aprile - ore 22.50

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Autovelox in Via Carducci, Melley e Centi: “Il Comune procede in silenzio”

Esigenza reale o solo per fare cassa?
Autovelox in Via Carducci, Melley e Centi: “Il Comune procede in silenzio”

La Spezia - "Lo abbiamo detto più volte: amministrare una città significa prima di tutto assumersi la responsabilità delle proprie scelte, senza infingimenti e tanto meno omertà", affermano Guido Melley e Roberto Centi, capogruppo e consigliere di Leali a Spezia, che intervengono questa volta sul tema degli autovelox.
"Peracchini e la sua Giunta non hanno il coraggio di spiegare apertamente alla cittadinanza le loro scelte e si muovono sotto banco, a suon di provvedimenti amministrativi assunti nelle segrete stanze e alla faccia di un confronto serio e partecipato con la gente".
Continuano i consiglieri comunali: “Un anno fa, a febbraio 2018, come gruppo Leali a Spezia, sollevammo il tema degli autovelox alla luce di alcune discordanti dichiarazioni apparse sulla stampa da parte degli assessori Medusei (Polizia municipale) e Casati (Mobilità). A fronte del paventato rischio di una imminente attivazione di apparecchi di controllo della velocità, ci risposero seccati che non vi era alcuna intenzione da parte della giunta Peracchini di procedere in tal senso. Dopo solo alcuni mesi, ad ottobre 2018, scoprimmo una delibera di giunta che mirava ad installare un autovelox in Via Carducci e proponemmo un immediato question time in consiglio comunale, nel quale Casati rispose traccheggiando che non vi erano decisioni assunte in tal senso. Oggi apprendiamo che poco dopo, e cioè a novembre 2018, il sindaco scrisse al prefetto per richiedere l’autorizzazione alla installazione di autovelox su Via Carducci e sulla Napoleonica, autorizzazione pervenuta lo scorso mese di marzo a cura degli uffici prefettizi di Via Veneto”.

Puntualizzano Melley e Centi: “Ci chiediamo se questo sia un metodo corretto e trasparente di procedere e la ragione di tanta omertà nel non voler spiegare non solo a noi consiglieri comunali, ma a tutta la città, le motivazioni alla base della decisione di installare autovelox sul nostro territorio a cura del Comune. Ci chiediamo anche se tutto questo non sia legato a motivi di cassa per la giunta Peracchini. Mentre non abbiamo nulla in contrario sulla installazione di autovelox o tutor di controllo della velocità sulla Napoleonica, alla luce dei ripetuti incidenti anche mortali verificatisi negli ultimi mesi, nutriamo tuttora forti dubbi sulla effettiva necessità di collocare analoghi apparecchi su Via Carducci. Qualcuno da Palazzo civico, può far conoscere agli spezzini i dati degli incidenti su Via Carducci così da giustificare l'istallazione dell'autovelox in quel tratto? A noi risulta che i sinistri stradali sul raccordo autostradale di Via Carducci non sono più di 20/25 l’anno e per lo più si riferiscono a tamponamenti in occasione di code per traffico intenso: per fortuna, non si sono verificati, almeno di recente, ripetuti casi di incidenti di particolare gravità, tali da giustificare l’installazione di autovelox o altre apparecchiature similari. Allora, lo ripetiamo, è solo una esigenza di fare cassa? Attendiamo fiduciosi, si fa per dire", concludono gli esponenti di Leali a Spezia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News