Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 23 Aprile - ore 08.30

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Amianto a Marola, il consiglio prova a non dividersi

Cenerini e Melley saranno i delegati di maggioranza e opposizione per la stesura di un documento condiviso. I Murati vivi: "Fate presto, dopo oltre un mese non sappiamo ancora cosa sia successo davvero".

Dopo i danni causati dal maltempo
Amianto a Marola, il consiglio prova a non dividersi

La Spezia - Il percorso di approfondimento della commissione Ambiente sulla rottura causata dalle raffiche di vento delle coperture di amianto dei capannoni dell'arsenale a poche decine di metri dall'abitato di Marola proseguirà con l'audizione di Arpal il 10 gennaio prossimo e con un sopralluogo dei commissari all'interno dell'arsenale nelle settimane seguenti. Nel frattempo maggioranza e opposizione, tramite i capigruppo Fabio Cenerini e Guido Melley, lavoreranno alla stesura di un documento condiviso che sarà poi presentato al consiglio comunale.
Sono queste le determinazioni della seduta della commissione presieduta da Marco Tarabugi che si è svolta nel tardo pomeriggio a Palazzo civico. Al tavolo degli ospiti l'assessore all'Ambiente, Kristopher Casati, e i rappresentanti dell'associazione Murati vivi.

Sulle prime i membri si sono divisi sul testo di una mozione proposta e letta dallo stesso Melley con la quale si impegnerebbe l'amministrazione comunale a lavorare per lo svolgimento di un monitoraggio della qualità dell'aria nel borgo da parte di Arpal e di una mappatura della presenza delle coperture di fibrocemento all'interno della base navale. Altro obiettivo del documento quello di spingere il Comune a chiedere al ministero della Difesa un fondo per una rimozione meno episodica delle lastre di eternit.
Un testo che ha trovato l'accordo di Casati che ha informato la commissione di aver già richiesto ad Arpal di svolgere una campagna di monitoraggio nella zona e di aver richiesto un preventivo per lo svolgimento di un'analisi più specifica alla ricerca di fibre disperse. "L'unica obiezione che mi sento di muovere - ha detto l'assessore - è che nel dispositivo si impegna l'amministrazione a siglare un accordo con la Marina militare, cosa che può avvenire solamente se il nostro interlocutore sarà d'accordo. Non possiamo certo obbligare nessuno".
"Una mozione solitamente - ha aggiungo Cenerini - è un punto di arrivo non di partenza. L'iter che sta proponendo la minoranza è inusuale. Presentarla a priori è strumentale, l'avrei creata all'unisono. Anche perché ci sono asserzioni campate per aria, almeno sino a quando non avremo ascoltato le dichiarazioni di Arpal sulla vicenda".
Dalla grillina Jessica De Muro è arrivato un messaggio di apertura totale: "La mozione - ha ricordato - riprende il documento dei Murati vivi sul quale eravamo tutti d'accordo. Se ne può parlare. Siamo aperti a qualunque cambiamento".
L'azzurro Enzo Ceragioli ha invitato a non fare confusione tra monitoraggio e mappatura, mentre il socialista Paolo Manfredini ha invitato all'unità: "Abbiamo preso atto dell'intervento di una associazione e delle sue proposte e stiamo utilizzandone il testo come documento di partenza per arrivare in consiglio uniti".
"La parola strumentalizzazione allontana i cittadini - ha aggiunto Massimo Caratozzolo, replicando direttamente alle parole di Cenerini -. Restiamo concentrati sul contenuto del documento: mi pare ci sia disponibilità a discutere".
Melley ha respinto qualunque volontà di primogenitura, mentre Massimo Lombardi ha elogiato il lavoro dei Murati vivi, dicendo che sono la "dimostrazione che un comitato può essere portatore di contenuti e serietà".
La ricerca di un punto di incontro è stata promossa anche da Patrizia Saccone e poi da Lorenzo Forcieri, che ha reputato grave la spaccatura che si stava creando su un tema così delicato. "Propongo la creazione di un gruppo di lavoro ristretto tra Melley e Cenerini, così da arrivare a un documento che possa andare bene a tutti", ha concluso.

"Il nostro obiettivo è arrivare alla bonifica non a un semplice monitoraggio - hanno sottolineato Lorenzo Pavoni e William Domenichini, portavoce dei Murati vivi -, ma è anche importante stringere i tempi: dal 29 ottobre a oggi non abbiamo visto ancora uno straccio di dato sulla aerodispersione dell'amianto. Siamo preoccupati perché sembra chiaro che la Marina non ha la situazione sotto controllo. Non basta rispettare la legge se poi ci si fa trovare impreparati da un fortunale. Bisogna puntare a non avere più amianto nei pressi delle abitazioni".

Da Luca Erba è giunto l'invito a mettere già in conto la possibilità di uno scontro con i vertici della Marina militare: "L'amministrazione dovrà metterci il massimo impegno".
"Ora è fondamentale ascoltare Arpal - ha sostenuto Cenerini - visto che sino a ora non c'è stato presentato alcuno studio su quello che è successo. Mentre l'ammiraglio Lazio è stato chiaro: il budget 2018 per la gestione del problema amianto è già finito. Servono risorse dal ministero della Difesa. Il consiglio comunale può spingere l'amministrazione a richiederle, ma non prendiamo in giro i cittadini: oltre a questo non possiamo fare molto altro".
"Ricordo l'esistenza in passato di un fondo speciale per la bonifica dell'amianto - ha aggiunto Forcieri -. In attesa di rivederci per la prossima seduta l'assessore potrebbe intanto cercare di capire se ci sono ancora fondi a disposizione".

Sotto l'albero i marolini non troveranno quindi nessuna risposta e nessuna novità. E dovranno sperare che il 2019 porti con se qualche soluzione per un problema che è lì da tanto, troppo tempo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News