Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 03 Giugno - ore 22.51

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Acqua gratis, Nobili bastonata. Ma l'odg passa e la maggioranza si divide

Fa breccia in consiglio provinciale l'iniziativa politica della consigliera Pd volta ad azzerare le bollette di questi mesi di emergenza. Oggi in Regione approvato un atto analogo.

Peracchini: "Siamo fuori da norme"
Acqua gratis, Nobili bastonata. Ma l'odg passa e la maggioranza si divide

La Spezia - Oggi pomeriggio in consiglio provinciale si è guadagnato una corposa serie di rimproveri l'ordine del giorno proposto da Dina Nobili (Pd) volto a impegnare il presidente dell'ente ad attivarsi per l'erogazione gratuita dell'acqua per tutti gli utenti della provincia e della Liguria nel corso dell'emergenza da Covid-19, facendosi promotore della convocazione di Ato provinciale e regionale con all'ordine del giorno, appunto, la gratuità dell'H2O. Il testo della Nobili, come detto, ha ricevuto più tirate d'orecchie, eppure, un po' a sorpresa, alla fine è stato approvato quasi all'unanimità dal parlamentino di Via Veneto, riunitosi con l'ausilio della videoconferenza. Dal centrosinistra, il consigliere Sivori, sindaco di Zignago, si è chiesto “come fa un'azienda a sopravvivere se non ha gli incassi delle bollette? Magari diamo l'acqua gratuita ma creiamo 600 disoccupati, stiamo attenti”, mentre il consigliere Licari ha dato il suo benestare “condividendo il principio, benché sarebbe stato opportuno approfondire preventivamente il tema in commissione”.

Sul fronte centrodestra ha annunciato voto favorevole la consigliera Saccone (“Anche se l'avrei formulato diversamente”); il capogruppo della Lega Rosson ha detto di essere “in parte d'accordo col principio, ma andrebbe riformulata l'istanza. Certo che farebbe piacere anche a me aiutare la cittadinanza ormai stremata. Ma troverei più logico attingere al fondo di sostegno e modulare una serie di sgravi e riduzioni con l'azienda, anche per evitare di avere successivamente dei contrasti giuridici. Potremmo audire i vertici Iren in commissione per vedere se possono venirci incontro”. Su simile lunghezza d'onda il consigliere totiano Biagi, che ha rilevato come sia importante “preservare i posti di lavoro in Acam”, cosa alla quale certo non gioverebbe la chiusura dei rubinetti delle bollette. Sul fronte La Spezia popolare, il consigliere e vice presidente dell'ente Ponzanelli ha accusato la Nobili d'aver approntato un'iniziativa “mediatica. Così arriviamo al pesce fresco per tutti”, mentre il sindaco di Carro Solari ha esortato a recuperare “l'atto con cui oltre un anno fa abbiamo impegnato la Provincia a creare, per l'acqua, un sub ambito Val di Vara. Quella sì che sarebbe stata un'azione concreta, non discorsi”. E la consigliera popolare Gianstefani ha offerto alla Nobili “massima disponibilità per affrontare il tema in modo più serio e concreto”.

Legnata quindi per la Nobili? Tutt'altro. Incassati sul fronte 'amico' i voti favorevoli di Licari e Sivori, l'ordine del giorno bollette free ha poi ricevuto l'astensione di Rosson e Biagi e il voto favorevole del trio di La Spezia popolare. E dopo il sì dei costiani, Rosson ha chiesto di convertire il suo voto in favorevole, non esaudito dal segretario. E poi c'è stato il voto del presidente Peracchini, che si è astenuto. “Per chi non ce la fa c'è il fondo sociale – aveva osservato -. Siamo fuori dalle norme giuridiche italiane. Con le bollette vengono garantini gli investimenti nelle fognature, negli acquedotti”. Non estraneo alla decisione dei popolari di sostenere l'iniziativa della Nobili quanto accaduto oggi pomeriggio in consiglio regionale, dove Liguria popolare ha presentato un ordine del giorno – promosso dal consigliere Mazza e approvato all'unanimità – che, come spiegato a margine del voto dal leader popolare Andrea Costa, impegna “la Regione a richiedere agli enti competenti e ai gestori del servizio idrico la gratuità nell’erogazione dell’acqua potabile durante l’emergenza sanitaria da coronavirus, proposta che è stata approvata all’unanimità, anche dallo stesso Partito democratico della consigliera Nobili”. Nel comunicato stampa, diffuso un paio d'ore prima del via del consiglio provinciale, Costa scrive: “Nobili a mezzo stampa affermò: Liguria Popolare fa sognare […] certo se non dovesse succedere ci troveremo davanti all'ennesima promessa che scredita solo chi la fa, salvo poi fare una giravolta a 360 gradi arrivando a presentare un analogo ordine del giorno nella seduta di oggi del Consiglio provinciale. Evidentemente il nostro sogno è piaciuto anche a lei. Ribadisco la bontà della nostra proposta, aiutare le famiglie in questo momento così drammatico non deve essere oggetto di strumentalizzazione politica, anzi è grazie all’impegno di tutti che si riescono a raggiungere gli obiettivo non è accettabile che le società che gestiscono il servizio idrico facciano su di un bene comune come l’acqua degli utili che, in un momento di emergenza come questo, potrebbero essere utilizzati per aiutare le famiglie”.

E la consigliere Nobili, reduce dalla seduta di Via Veneto, ha parlato di “spaccatura all’interno della maggioranza. Peracchini contro Toti. Gruppi che in consiglio regionale hanno votato a favore dell’acqua pubblica in consiglio provinciale si sono sfilati. Il presidente della provincia ha detto che è una proposta fuori dalla normativa. Lo dica al Presidente Toti. Ora si trovino le risorse e si convochi l’Ato idrico e chiedo al Presidente Peracchini di attivarsi anche negli altri territori in forza del suo ruolo di presidente Upi regionale”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








VIDEOGALLERY


















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News