Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 19 Febbraio - ore 19.55

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Acam, Federici non demorde: "Priorità alla ristrutturazione del debito"

Il sindaco ritorna a chiedere massimo impegno ai vertici dell'azienda, e aggiunge: "In ogni caso, riteniamo che tali tipi di società siano fallibili".

Acam, Federici non demorde: "Priorità alla ristrutturazione del debito"

La Spezia - Non tutto è perduto. La sentenza del Tribunale della Spezia non mette la parola fine al tentativo di salvataggio di Acam, che deve proseguire sulla strada della ristrutturazione del debito. Lo annuncia il sindaco della Spezia, Massimo Federici, che si schiera in difesa delle convinzioni espresse sino a pochi giorni fa in merito all'eventualità che non ci sia l'accordo sulla ristrutturazione del debito. Parole che suonano come un anteprima del ricorso che i legali dell'azienda presenteranno per dimostrare come Acam abbia il diritto di richiedere l'utilizzo di un concordato.
"Innanzitutto è opportuno chiarire che l’azienda non ha mai abbandonato la negoziazione sulla ristrutturazione del debito ai sensi dell’articolo 182 bis della legge fallimentare. Contestualmente l’azienda ha portato avanti approfondimenti rispetto all’ipotesi di utilizzo del concordato in continuità, in quanto l’articolo 161 comma 6 della stessa legge fallimentare, utilizzato ad oggi da Acam, prevede anche questo istituto. La verifica sull’effettiva utilizzabilità di tale procedura era doverosa e necessaria da parte della società al fine di non incorrere in sorprese negative all’eventuale presentazione di piani di concordato. Si rimane convinti della fondatezza di una possibile applicazione di procedure di concordato. In ciò si ha conforto sia da pareri pro veritate richiesti dall’azienda che dalla giurisprudenza anche favorevole di merito. Ribadisco che allo stato attuale, quindi, nessun piano di concordato è stato depositato e, meno che mai, è stata interrotta la negoziazione di un piano di ristrutturazione volontaria del debito da parte dei creditori di Acam che rimane l’opzione prioritaria per l’azienda".

Poi Federici risponde anche a chi ritiene che con la sentenza di ieri il debito del gruppo ricada in maniera diretta sui Comuni: "Infine sul tema delle paventate ricadute sui comuni soci, in ragione di quanto detto prima, si ritiene che tali tipi di società siano al contrario fallibili. In ogni caso si sottolinea non sussistano automatismi di sorta sul riconoscimento di debiti in capo agli enti locali. In questo momento ancor più che in altri passaggi, pertanto, ci sono il massimo impegno e la più forte determinazione da parte del management dell’azienda per la salvezza del gruppo. È molto importante garantire da parte di tutti il massimo del sostegno e della collaborazione”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News