Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 19 Febbraio - ore 22.40

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

"Veloci ad aumentare le tasse, lenti a fare le opere"

Il Pd fa propria la polemica degli ambulanti su Piazza del Mercato. "Avevano chiesto cose semplici e non li avete ascoltati. Sono due anni che l'amministrazione fa presentazioni su tutto: quando vedremo qualcosa di concreto?"

animi tesi, come vent'anni fa
"Veloci ad aumentare le tasse, lenti a fare le opere"

La Spezia - Si apre il fronte di Piazza del Mercato e l'opposizione politica in città e in regione scende subito nell'agone. Dopo la sonora bocciatura arrivata dai commercianti, che ieri hanno espresso tutto il loro disappunto sulle prospettive di rifacimento seguite al concorso di idee (qui l'articolo), oggi è il Partito Democratico ad affondare il colpo. "Proprio un anno fa la giunta regionale annunciò i 7 milioni di euro che distribuiva a Spezia per il rifacimento del centro storico, tra cui piazza Cavour, Piazza Beverini e Piazza Chiodo. Tra sondaggi di partecipazione e concorso di progetti è passato un anno intero e oggi siamo al dunque. Dei cinque progetti selezionati dalla amministrazione, non ce n'è uno che prenda in considerazione davvero le esigenze dei commercianti della piazza e soprattutto che sia davvero realizzabile".

Lo scrivono la capogruppo Federica Pecunia e il consigliere regionale Juri Michelucci. "Le loro richieste erano state chiare dall’inizio: parcheggi, chiusure laterali semovibili per il freddo e la pioggia, trovare soluzioni all’acqua che scende dal tetto. Ma niente di tutto questo si ritrova negli studi presentati; ciò che però ha sempre avuto la priorità erano i tempi certi. Per gli ambulanti chiudere la piazza con il cantiere significa non lavorare per mesi e il timore che, oltre alla fatica dell’attesa, poi la ripartenza sia ancora più dura. L’amministrazione lanciò l'idea di restaurare la piazza appena insediata, la giunta regionale proprio a pochi giorni dalle elezioni di marzo annunciò i finanziamenti, frutto di un mutuo, che prevedevano però certezze nella realizzazione dei progetti. Chiederemo anche in regione conto di questo finanziamento e di che percorso abbia seguito".

Per adesso l'unico risultato è stato l'aumento delle imposte, fanno notare dall'opposizione. "Oggi siamo a un punto morto: così non va. Senza contare che agli ambulanti della piazza come primo segnale vennero da subito aumentate tassa di occupazione del suolo e Tari. La vera necessità del commercio del centro, sia stanziale che ambulante, sono i parcheggi. Torniamo a chiedere: perché non si procede per prima cosa con la realizzazione nelle aree della Marina di un parcheggio? Che fine ha fatto il piano del commercio?
Continuano gli annunci, senza una visione di città: aprire mezza giornata Piazza del Mercato ai parcheggi non solo non è la soluzione ma si è dimostrato addirittura dannoso per i commercianti. Inoltre resta il fatto che di notte e nei weekend il parcheggio selvaggio comporta ai lavoratori della piazza ulteriori difficoltà nel tenere puliti i loro spazi e soprattutto a volte nel trovarli addirittura occupati. Fortuna che si voleva valorizzare il centro: la piazza è il cuore della città. Va ascoltata prima di tutto, vanno prese in considerazione le necessità di chi ci lavora da anni e la conosce. Va salvaguardato il patrimonio che rappresenta per tutta la provincia il luogo storico della piazza. E va fatto in tempi brevi non con progetti faraonici, troppo costosi e di fatto inutili.
"Sempre che tutto questo gran parlare non sia finalizzato alla fine a non fare nulla e scaricare così le responsabilità ad altri. Di questi giorni comunque di progetti si fa un grande parlare: si ripresenta il waterfront, la passerella su viale Italia, il possibile interramento. Basta con le presentazioni, dopo quasi due anni sarebbe l’ora di passare ai fatti".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News