Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 16 Luglio - ore 11.22

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

"Uniamoci tutti a difesa dell'Einaudi-Chiodo"

Dopo la denuncia dei giorni scorsi, la politica prova a fare quadrato.

scuola
"Uniamoci tutti a difesa dell'Einaudi-Chiodo"

La Spezia - "Ciò che emerge dalla denuncia lanciata dai rappresentanti dell'Istituto Einaudi Chiodo è a dir poco preoccupante, a cominciare dalla sovrapposizione degli indirizzi di studio che ha avuto come conseguenza quella di penalizzare le famiglie, costrette a subire il caos venutosi a creare dalla disarticolazione dei percorsi scolastici. Senza contare poi come dal prossimo anno le fondamentali figure dei tecnici saranno colpite da un forte ridimensionamento che porterà alla perdita di conoscenze per un Istituto che fa della sperimentazione di laboratorio un'eccellenza dell’offerta didattica". Ne è convinto Andrea Licari, consigliere provinciale, che aggiunge: "La mancata definizione nei tempi dell’organico delle classi ha avuto l’effetto di cancellare indirizzi portanti dell’istruzione professionale spezzina come l’elettrico o lo sdoppiamento di altri come il grafico. Risultato di tutto ciò sarà la mancanza di figure richieste dal mercato del lavoro, con i diplomati sprovvisti del bagaglio formativo necessario per rispondere al fabbisogno delle imprese operanti nei vari settori".

"Bene - continua Licari - che il Presidente della Provincia abbia deciso di mettere mano alla situazione: non possiamo infatti permettere che l’Istituto Einaudi Chiodo, cardine dell’istruzione professionale, debba avere a che fare con criticità riguardanti l’utenza scolastica, l’opportunità occupazionale - fondamentale per la nostra realtà - l’offerta formativa rispetto alle domande professionali delle imprese del territorio e la dispersione delle competenze del personale docente e tecnico. Senza contare, infine, la piaga della dispersione scolastica che, dati alla mano, ha colpito in Italia ben 3 milioni di persone negli ultimi venti anni: necessario quindi che tutte le parti in causa remino nella stessa direzione. Ne va del futuro e del presente dei nostri figli".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia































Lo Spezia 19/20 prende forma, secondo voi oggi è più forte o più debole del suo predecessore?











Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News