Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 23 Aprile - ore 08.30

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

"Sull'amianto a Marola mai una delega a Cenerini"

Caratozzolo respinge al mittente la proposta di affidare al capogruppo della Lista Toti il compito di stilare un documento unitario insieme a Melley. "Ha sempre mostrato totale ignoranza e insensibilità su un tema così serio".

litigio in maggioranza
"Sull'amianto a Marola mai una delega a Cenerini"

La Spezia - "Cenerini non è stato delegato da nessuno a rappresentare nessuno.
La proposta del consigliere Forcieri di utilizzare un metodo “Orazi e Curiazi” per mettere a punto un testo condiviso della mozione sulla emergenza amianto a Marola può essere accettabile, ma non è certo l’ex senatore a stabilire chi possa o meno essere chiamato a questo compito.
Il nome di Cenerini è stato fatto a puro titolo di esempio proprio perché, come quasi sempre accade, proprio il capogruppo di Forza Italia si è subito scagliato contro la mozione del consigliere Melley definendola strumentale, quasi che l’amianto non fosse una reale emergenza nella nostra città, ma uno scoop costruito ad hoc tanto per creare un po’ di allarmismo e mettere un po’ di cittadini dietro a qualche bandierina politica.
Il gruppo che rappresento ha da sempre denunciato quanto poco si sta facendo alla Spezia e nella fattispecie a Marola per risolvere il problema, nonostante la nostra città detenga il triste primato di decessi per Mesotelioma, malattia direttamente collegata alle conseguenze della inalazione di fibre di amianto.
Per primi ci siamo attivati, chiedendo la serie di commissioni in corso, partite con l’audizione dell’Ammiraglio Lazio, quindi dei Comitati e delle Associazioni maroline giustamente preoccupate per certi atteggiamenti un po’ troppo “attendisti” da parte delle autorità preposte: militari e non.
Bene ha fatto il consigliere Melley a sintetizzare quanto richiesto da tali comitati, sin troppo tranquilli e propositivi, in un documento da sottoporre al voto del consiglio comunale.
Un documento che, come dichiarato dallo stesso consigliere, può essere rivisto in alcune terminologie ma non certo “stravolto” come troppo spesso si ama fare da qualche tempo.
Un documento che è necessario a nostro avviso sia condiviso e votato da tutto il consiglio.
Personalmente, credo si sarebbe potuto farlo già nel prossimo Consiglio di mercoledì, utilizzando il metodo dell’urgenza. D’altra parte cosa c’è di più urgente che la tutela della salute pubblica ?
Sarebbe bastato vedersi velocemente tra martedì e mercoledì mattina, apportare le poche necessarie modifiche e ratificare il documento nella serata stessa in Consiglio Comunale.
Vogliamo invece allungare i tempi di qualche settimana per ascoltare ARPAL il 10 Gennaio?
Ci mancherebbe, anche se non so nello specifico cosa possa aggiungere a quanto già in nostro possesso, ma tengo a precisare che non è stato dato nessun incarico al consigliere Cenerini di redigere una proposta di documento unitario insieme al consigliere Melley sul tema dell'amianto. Il sottoscritto e il mio gruppo mai affiderebbero un compito del genere a una figura come Cenerini che ha dimostrato totale ignoranza e insensibilità su una problematica così seria e importante".

Massimo Baldino Caratozzolo
(Per la nostra città con Guerri)

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News