Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Venerdì 25 Settembre - ore 21.05

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

"Sorrido per non piangere delle posizioni comuniste su Cossetto"

la nota del consigliere teja
"Sorrido per non piangere delle posizioni comuniste su Cossetto"

La Spezia - "Da nipote di esuli italiani dell’Istria fa sorridere (per non piangere) che dopo quasi 80 anni ci sono ancora personaggi e gruppi politici che, rappresentando a malapena sé stessi, difendono l’indifendibile e che sono ancora appiattite sulle posizioni titine. Queste persone dimenticano i fatti e come loro caratteristica deformano la verità rispetto al dramma delle foibe, degli esuli, e dei “rimasti”: tutte storie che vale la pena ricordare, studiare e diffondere, su cui c’è ancora tanto lavoro da fare.
Fatti e vicende crude come quella di Norma Cossetto, forse l’esempio più noto di “martire” delle foibe. Giovane studentessa universitaria e figlia di un piccolo proprietario terriero, era solita girare in bicicletta per Visinada, il paesino in cui viveva; suonava il piano, amava l’arte e sognava di fare l’insegnante. Era stimata da tutti e molto legata alla sua famiglia. Nel settembre ’43 i partigiani di Tito irruppero in casa Cossetto e portarono via Norma, intimandola a collaborare con il movimento di liberazione per avere salva la vita. Norma rifiutò, venne più volte violentata e subì sevizie di ogni tipo. Una testimone oculare ha raccontato che la sera prima di essere gettata nuda in una foiba, la ragazza invocò disperatamente la mamma, chiese dell’acqua, e implorò un po’ di pietà. Invano. Aveva solo ventitré anni.

Gli storici più attenti come Raoul Pupo hanno descritto l’ideologia titina sul confine orientale come una «violenza di Stato fondante, costituente, un elemento essenziale, anche se ovviamente non esclusivo, per l’affermazione della nuova statualità e del nuovo regime politico». Non una semplice reazione al potere fascista. La verità e che le vere bande non sono quelle della nostra Amministrazione ma quelle rosso titine che depredarono, torturano e massacrarono, per usare una metafora, sparando davvero nel mucchio. Bastava essere italiani, insomma. L’unica vera colpa di Norma era solo quella di essere italiana, e bene ha fatto il Comune della Spezia con il Sindaco Peracchini ed l’Assessore Asti ad intitolare una via al suo ricordo per noi e per le future generazioni".

Oscar Teja
Consigliere Comunale della Spezia
Gruppo Toti – Forza Italia

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia






FOTOGALLERY




















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News