Città della Spezia Liguria News Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 24 Aprile - ore 14.24

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

"Solidarietà e accoglienza non possono essere demonizzate"

Il sindaco commenta amareggiato l'assenza dei leghisti alla consegna della benemerenza a don Palei, direttore della Caritas. Le opposizioni: "Carroccio farneticante, atto vile e ingobile".

Don Palei: "Ringrazio tutti, indistintamente"
"Solidarietà e accoglienza non possono essere demonizzate"

La Spezia - Un pomeriggio di festa, per i tre nuovi benemeriti spezzini e per tutti i familiari, gli amici e i collaboratori presenti nella sala del consiglio comunale. Danilo Caluri, Fabrizio Mismas e don Luca Palei si sono spalancati in un sorriso al momento della consegna dell'attestato di benemerenza civica, non curanti dell'assenza, tra i banchi della maggioranza, di tutto il gruppo consiliare della Lega e degli assessori del Carroccio Lorenzo Brogi, Gianmarco Medusei e Giulia Giorgi. Un boicottaggio inaspettato per molti, annunciato poco prima dell'inizio della seduta straordinaria (leggi qui) e giustificato così: "il centrosinistra ha indegnamente strumentalizzato la persona di don Luca Palei per fare polemica politica e propagandare il sistema di accoglienza istituito dai governi del Pd negli ultimi cinque anni". La diserzione, però, ha deluso molti, compreso il sindaco Pierluigi Peracchini, stupito dal gesto dei leghisti: "La mia figura rappresenta tutta la città e il conferimento di queste benemerenze è un segnale di rispetto verso chi onora la nostra comunità con la sua attività". "Vedere i banchi vuoti di parte della mia maggioranza mentre conferivo la benemerenza cittadina a don Luca Palei, direttore della Caritas, mi ha molto amareggiato. Non è possibile far finta di nulla, abbozzare o minimizzare. Ritengo che sia stato fatto un errore a non partecipare a questo consiglio straordinario - ha aggiunto poco dopo - perché il valore della solidarietà e dell’accoglienza e la loro celebrazione non possono né devono essere demonizzati. La Caritas aiuta tutti gli indigenti, senza alcuna distinzione, e il lavoro di don Palei è semplicemente encomiabile. Come diceva don Camillo, citando Guareschi, “non ci sono poveri di serie A e di serie B” e il compito della politica è quello di tenere insieme la società e dare una risposta a tutti".

Il diretto interessato, non volendo commentare l'accaduto, ha dichiarato: "Ringrazio tutti, indistintamente. Faccio quello che mi chiede il mio ministero, su altre dinamiche non mi esprimo. Posso solo dire che mi dispiace se la mia persona ha creato una spaccatura all'interno del consiglio. Caritas vuol dire amore, che significa fare unione".

Dura, invece, la condanna del gesto degli esponenti della Lega da parte dei consiglieri di minoranza: "Oggi sono stati colpiti al cuore la credibilità del nostro Comune e il ruolo istituzionale del consiglio comunale, che rappresenta l’intera cittadinanza. Si è verificato un fatto mai accaduto in passato e soprattutto senza alcuna giustificazione. Un'assenza che la dice lunga sul rispetto che questo partito, che si candida a governare il Paese, ha nei confronti delle istituzioni e verso un atto solenne di riconoscimento ai cittadini benemeriti. Abbiamo appreso che i rappresentanti della Lega hanno avuto anche la sfrontatezza di diramare un comunicato, farneticante e pieno di spudorate menzogne, con il quale accusano i gruppi di minoranza di aver proposto il direttore della Caritas don Luca Palei a cittadino benemerito, esclusivamente per la sua opera di assistenza ai migranti. Non solo non è vero, ma questa vergognosa bugia offende tutti noi, la cittadinanza spezzina al completo e, purtroppo, l’opera meritoria della Caritas, del suo direttore e dei volontari che si impegnano ogni giorno da anni a assistere le persone bisognose di ogni genere, provenienza, cultura religione. A conferma di quanto diciamo ci sono gli atti formali scritti e ribaditi nelle numerose riunioni della conferenza capi gruppo a partire dal testo delle motivazioni con le quali abbiamo indicato don Palei, che recita testualmente: “rispetto, accoglienza, integrazione, solidarietà sono i tratti distintivi della sua azione quotidiana”. Pensiamo che un fatto così grave sul piano politico istituzionale e morale debba essere censurato per primo dal sindaco della città, al quale già nelle scorse settimane ci eravamo rivolti affinché assumesse una posizione chiara e non equivoca sul tema delle benemerenze. Ci è fortemente dispiaciuto invece che il sindaco non abbia tenuto conto, come previsto, delle effettive e reali motivazioni che come capi gruppo avevamo richiesto per la candidatura di don Luca. Abbiamo però per rispetto a don Luca deciso di non sollevare obiezioni ulteriori e oggi stesso, per non venir meno al ruolo che ci compete in consiglio, non ci siamo permessi di far venir meno il numero legale per lo svolgimento del consiglio stesso: numero legale che senza la nostra presenza sarebbe tristemente venuto a mancare.
Mai ci saremmo aspettati un atto così vile e ignobile da parte di un gruppo consigliare e di una considerevole parte della giunta, che oltretutto si vantano di essere paladini della cristianità, regalando crocifissi a destra e a manca".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia










Stagione virtualmente finita in casa Spezia, tempo di bilanci. Chi merita la conferma nel settore tecnico secondo i lettori?

































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News