Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 21 Agosto - ore 00.20

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

"Pontremolese? Un'opera fondamentale, snobbata dalla Toscana"

Riccardo Nencini, vice-ministro dei Trasporti, ribadisce la crucialità dell'opera. Sisti: "A Santo Stefano un inland terminal ma vogliamo un sopporto dal governo". E Manfredini ribadisce: "Sì al molo crociere sulla calata Paita".

`Pontremolese? Un´opera fondamentale, snobbata dalla Toscana`

La Spezia - Missione spezzina per il vice-ministro Riccardo Nencini, chiamato alla Spezia per parlare di porto e supportare la candidatura di Paolo Manfredini, candidato, e socialista come lui, della coalizione del centrosinistra. Prima la riunione ristretta con gli operatori portuali della Spezia alla presenza del presidente dell'Autorità di sistema portuale del Mar Ligure Orientale Carla Roncallo, ove il segretario del garofano rosso, ha affrontato i temi al centro del dibattito, in particolar modo la necessità di definire al più presto il programma delle infrastrutture che collegano il Porto con le grandi direttrici, quindi anche la realizzazione della Pontremolese. Nella fattispecie gli operatori hanno esternato la loro preoccupazione riguardo il rischio che la città perda opportunità di ricchezza e di maggior occupazione qualora si spostassero in aree dell'interno interessi legati alla lavorazione delle merci e alle operazioni ad esse legate. Altro tema oggetto di discussione con il vice ministro l'area di Santo Stefano Magra ritenuta da tutti come l'opportunità per creare un vero proprio hub logistico, dove procedere con le rotture di carico della merce, quindi la lavorazione e la distribuzione. Una valorizzazione che contribuirà concretamente alla crescita economica e occupazionale per l'intero comparto.

Nel pomeriggio temi analoghi sono stati oggetto di un convegno pubblico al quale ha partecipato anche il sindaco di Carrara Angelo Zubbani. Prp, crociere, trasporto merci e sfide del futuro i punti toccati durante l'incontro: "Come ben sapete il molo crociere è nel Prp e non nel Puc. Non ho nessuna difficoltà a ribadire che il molo crociere in calata Paita va costruito" - introduce Paolo Manfredini, confermando la sua posizione distante da quella del sindaco uscente che aveva invece messo in discussione la necessità dell'opera -. La paura che abbiamo registrato anche parlando con gli operatori portuali che abbiamo incontrato è che il trasporto delle merci non sia più al centro del business primario del nostro porto". Al dibattito anche Paola Sisti, sindaco di Santo Stefano, un territorio che mira a diventare "l'inland terminal" del porto spezzino con l'agognato sportello unico doganale: "Noi non vogliamo tornare agli alberi di ciliegie ma vogliamo essere protagonisti e non semplicemente un luogo di accatastamento container: pensate che il Comune di Santo Stefano, solo perché non affacciato sul mare, non ha un membro dentro l'ex comitato portuale... I corridoi doganali semplificano, le vogliono tutti e i primi a sperimentarli siamo stati proprio noi. Credo serva un supporto legislativo e concreto da parte del governo perché non possiamo permetterci di perdere 600 posti di lavoro in seguito alle famose semplificazioni. Non possiamo permetterci di essere un casello autostradale dove la merce scende per poi ripartire".

Ospite dell'incontro dell'Nh Hotel il sindaco uscente di Carrara Zubbani che ha voluto parlare di Pontremolese, l'eterna incompiuta: "In altri tempi sarei stato un semplice invitato, oggi mi considero parte attiva almeno fino a quando sarò sindaco di Carrara. La scelta del governo di unire i porti di Spezia e Carrara ha superato la perplessità iniziale, gli imprenditori hanno preferito mettersi al lavoro invece di fare ricorso, dimostrando sagacia e volontà di risolvere i problemi. La Pontremolese è un cattivo esempio da non prendere in considerazione. In dieci anni sono stato l'unico amministratore della Toscana ad aver partecipato ai tavoli, spesso organizzati a Parma. Speranze e delusioni, delusioni e speranze, solo poche volte mi sono sentito accompagnato dalla mia regione perché evidentemente c'erano priorità diverse". Sulla scia di Zubbani, la chiusura spetta proprio a Nencini: "E' vero, riguardo la Pontremolese abbiamo registrato il parere positivo della Liguria, l'Emilia si è convinta cammin facendo, la Toscana è stata sempre lontana e sostanzialmente contraria perché ritiene l'opera non prioritaria. Chiaro che per questo territorio è di fondamentale importanza un'opera del genere, soprattutto oggi che Spezia e Carrara iniziano un percorso insieme, di apertura verso la vicina Versilia. Ci sono tutte le caratteristiche per implementare quel tipo di investimenti: così si evita che le merci che arrivano escano subito".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure