Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 23 Aprile - ore 22.05

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

"Peracchini nomina consigliere con la logica degli amici degli amici"

Opposizione contesta la scelta di Levaggi e attacca il sindaco: "Sa solo rispondere ai diktat del presidente della Regione che governa la nostra città da Genova e negarsi al confronto con i cittadini".

"vogliamo vedere tutti i cv"
"Peracchini nomina consigliere con la logica degli amici degli amici"

La Spezia - “Finalmente trasparenza e meritocrazia guidano le nomine di Peracchini. Il dottor Lavaggi scelto tra 24 candidature per indiscussi meriti e competenze nel mondo delle aziende partecipate, non perché amico e sodale di Giampedrone e Toti. Bravo sindaco!”. Così Guido Melley, LeAli a Spezia, Federica Pecunia, Pd, Paolo Manfredini, Partito Socialista, Luigi Liguori, Spezia bella forte ed unita, Massimo Lombardi, Spezia bene comune, e pure Massimo Caratozzolo (Per la nostra città), fresco di passaggio all'opposizione: “Chiediamo a Peracchini di rendere noti i curriculum degli altri 23 che si erano proposti per rappresentare i comuni del territorio nel CdA di Iren, i cittadini sono curiosi di confrontarli con quello illustrissimo di Lavaggi. Magari scopriranno qualcosa oltre alla amicizia e condivisione di interessi del neo-nominato con Giampedrone e Toti".

"L’unico merito che noi ricordiamo di Lavaggi - continuano dai banchi della minoranza - è quello di essersi candidato con Toti alle ultime regionali senza essere eletto. Anche qualche selfie con il Presidente in pubbliche occasioni fa curriculum, senza dubbio. Ci sembra un po’ poco per un ruolo così delicato; ma forse ha fatto punteggio amministrare Liguria Patrimonio, anche qui nomina premiale per il brillante risultato elettorale. E anche fare il tesoriere di Change, collettore di soldi per le campagne mediatiche del patron Toti.”

Concludono gli esponenti della opposizione: “Una nomina, quella di Lavaggi, che risponde alle logiche di opacità che caratterizzano la gestione amministrativa di Peracchini, la cui linea guida strategica è quella di rispondere ai diktat del presidente della Regione che governa la nostra città da Genova e negarsi al confronto con i cittadini senza assumersi mai le responsabilità delle sue scelte politiche. Un copione già visto tante volte e che sta ipotecando in senso pesantemente negativo il futuro della città e del territorio.”

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News