Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 21 Febbraio - ore 11.23

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

"Parlare di politica con Baldino è come parlare di donne con uno a cui non piacciono"

Cenerini risponde al consigliere di maggioranza sulla questione amianto.

botta e risposta
"Parlare di politica con Baldino è come parlare di donne con uno a cui non piacciono"

La Spezia - “Non credevo a quello che leggevo questa mattina e ho pensato che questa ennesima figuraccia il consigliere Caratozzolo avrebbe potuto risparmiarsela, ma è più forte di lui, quando sente il mio nome è come un toro al quale viene sventolato il drappo rosso davanti agli occhi! Capisco il livore e il rancore che ha nei miei confronti, perché non c’è un consiglio comunale ormai in cui non ridicolizzo le sue balzane teorie!” E’ la risposta durissima del consigliere comunale di Forza Italia lista Toti in consiglio comunale Fabio Cenerini che interviene dopo le dichiarazioni dell’altro consigliere di maggioranza Massimo Baldino Caratozzolo, (leggi qui ).
"Però essere in malafede fino a questo punto - sottolinea Cenerini -!Veniamo ai fatti: Forcieri ha proposto che Melley e io ci incontrassimo per fare il punto sul documento portato in commissione, da sottoporre poi alla commissione stessa. A fine commissione l’assessore Casati e il Presidente Tarabugi, hanno chiesto se qualcuno aveva delle contrarietà e Baldino non ha proferito parola o forse era andato in bagno? Se ha problemi d’incontinenza mi dispiace, ma visto che l’onesto Baldino prendeva pure il gettone di 63,90 Euro, era suo dovere essere presente. Il sottoscritto è stato presente dal primo all’ultimo minuto senza gettone fra l’altro! Strano non esprimere la propria contrarietà in una sede istituzionale, di fronte al comitato dei murati vivi e a tutti i consiglieri e poi sparare sui media, ma chi lo conosce sa che questo è il suo serio modo di agire".

"Inoltre io non avevo chiesto niente e la proposta di Forcieri è stata un consigliere dell’opposizione e uno della maggioranza - scrive il consigliere forzista - Anche relativamente a questo Baldino sbaglia, al limite poteva dare un parere su Melley ma non su di me, non so se si è accorto che da tempo non viene più invitato alle riunioni di maggioranza e che è stato sbattuto fuori dalle chat che usiamo in maggioranza! Comprendo i suoi limiti, il ragazzo è leggermente ottuso, però qualcosa doveva intuire anche uno come lui".
"E’ difficile capire che il proprio giochino è stato scoperto e che non funziona più - prsegue -. Il duo Guerri Baldino pensava di entrare in maggioranza e poi di poterla bombardare impunemente dalla mattina alla sera, per dar piacere a un elettorato che ormai capito chi sono li ha quasi completamente abbandonati! Ogni consiglio c’è stato un attacco al Sindaco e alla giunta, sempre mettendo in dubbio quello che faceva o impegnando con mozioni assurde a fare quello che già facevano, giusto per apparire".
"Baldino è una specie di sanculotto - incalza Cenerini -, un piccolo capo popolo che sale su due cassette di legno e si mette a sparare quattro cavolate che piacciono tanto agli ignoranti, ma la rivoluzione francese è ormai lontana e la gente è super informata! Facile urlare al Sindaco la centrale Enel va chiusa domani non nel 2021, sapendo che è impossibile, ma con l’informazione di oggi e anche con il mio piccolo merito, detta alla sgarbi, di averli sputtanati, sono ormai in crisi e alla frutta".
"Lo ringrazio per l’ignorante e insensibile sul problema amianto - precisa -, casualmente come hanno potuto sentire tutti ieri in commissione sono io che ho chiesto di audire Arpal, la seduta dovrebbe già essere fissata per il 9 gennaio, nella stessa chiederò che venga fatto uno studio della qualità dell’aria a Marola, perché sia rassicurata la popolazione che non ci sia stata dispersione di amianto. E sempre io ho chiesto che la commissione compia un sopralluogo con un tecnico all’interno del sito della Marina, questo con il dovuto rispetto perché non è la marina Russa caro Baldino, ma qualcosa che fa parte della vita della città. Quindi mi sembra di occuparmi fattivamente della questione amianto come hanno potuto verificare gli amici del comitato di Marola, le balle di Baldino non so se hanno le gambe corte o il naso lungo ma sempre balle sono".

"Inutile rispondere sulla strumentalizzazione politica - prosegue Cenerini -, l’importante non è solo l’argomento, ma anche la forma che è sostanza, ma parlar di politica con Baldino è come parlar di donne con uno a cui non piacciono! Il sanculotto continua nel suo intervento dicendo che se fosse stato per lui la mozione andava votata al consiglio di domani! Cosa c’è di più urgente della salute pubblica afferma? E chi può pensarla diversamente? Però e scusate il termine perché mi sono un po stufato, prenderemmo per il lato B i cittadini, portando la mozione in discussione domani! Certamente alcuni poco attenti penserebbero, hai visto i consiglieri comunali come sono solerti, ovviamente il sanculotto proverebbe a far la parte del leone, invece si tratterebbe solo di fumo negli occhi alla gente".

"La politica è qualcosa di serio - scrive -, il nostro prode non dice che dipende dal governo, dagli stanziamenti che vengono erogati per la bonifica, perché purtroppo l’amianto è un po ovunque. E’ chiaro che se butti via i soldi per il reddito di cittadinanza, magari poi non li trovi per fare le bonifiche! Quindi il consiglio comunale non potrà andare oltre ad impegnare il Sindaco ad aprire una trattativa col ministero competente, sempre che questo ci dia ascolto! Magari dopo un percorso serio e veloce in commissione".

"E’ stato un grave errore fare un’alleanza con personaggi del genere - conclude - Totalmente disinteressati al bene comune, ma sempre in un’affannosa rincorsa del consenso elettorale. Forse tradendo gli accordi elettorali dalla mattina alla sera, credono di poterlo conservare o forse aumentare, ma non siano preoccupati, se uno dei nostri eroi perdesse il posto retribuito, non avendo un lavoro magari avrà il reddito di cittadinanza".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News