Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 23 Aprile - ore 22.05

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

"Non è la 194 a far diminuire la natalità. Dalla Lega proposta medievale"

Dal Pd tuonano le Raffaella Paita, Federica Pecunia e Dina Nobili sulla proposta della Lega sull'aborto.

"la dignità delle donne non è barattabile"
"Non è la 194 a far diminuire la natalità. Dalla Lega proposta medievale"

La Spezia - “Oggi a preoccupare ancora di più le donne, dopo la proposta del decreto Pillon che mette in discussione fortemente i cardini dei diritti familiari e dei minori , una proposta di legge di un manipolo di 50 deputati medievali della  Lega che  vogliono attraverso la manomissione della 194 riportare la donna al rango di 'concubina senziente'". Così le Raffaella Paita per il Partito democratico alla Camera dei deputati, Federica Pecunia Segretario Provinciale Partito Democratico, Dina Nobili Consigliere Provinciale Pd intervengono in merito alla proposta della Lega sulla 194.
“Non era sufficiente - aggiungono - che un pezzo del Governo partecipasse al congresso delle famiglie a fine marzo, promosso da un movimento globale anti abortista ,antifemminista e anti Lgbtqi”.

“Voler dare  soggettività giuridica al feto è un inaccettabile balzo all’indietro dal punto di vista giuridico - scrivono nella nota Paita, Pecunia e Nobili - e  la riproposizione della famiglia patriarcale dove l’uomo è il dominus  sul corpo, sul pensiero, sulla soggettività della donna. Infatti la 194 non solo permette alla donna di interrompere la gravidanza ma le riconosce una soggettività, ovvero una persona che sia in grado di autodeterminarsi e di scegliere in autonomia.Un doppio tentativo di ostacolare l’aborto dunque  e ridurre la donna a mera “incubatrice”.
“Non è davvero la 194 la ragione della  riduzione della natalità - tuonano le rappresentanti del Partito democratico-. L’unica cosa ridotta sono  il numero degli aborti clandestini e la mortalità di donne vittime di mammane senza scrupoli. Si fanno meno figli perché mancano servizi adeguati di sostegno alla natalità, per la mancanza di una politica adeguata a curare l’infertilità, fenomeno in aumento, per la difficoltà ad avere a disposizione centri di fecondazione assistita di livello adeguato”.

“Servono politiche che favoriscano il welfare e i diritti delle donne sui luoghi di lavoro - proseguono -, che portino alla parità salariale tra uomo e donna, a servizi che consentano alle donne lavoratrici di poter accudire i propri figli in strutture adeguate, queste sono solo una parte delle proposte che si dovrebbero mettere in campo se si volesse davvero parlare del tema della denatalità e dei diritti alla famiglia. Le donne saranno salda barriera per respingere questi gravi tentativi di riportare indietro le lancette della storia; ci aspettiamo che il movimento cinque stelle non faccia passare sotto  silenzio questo vergognoso tentativo  revisionista. Le donne, la loro dignità e la loro storia non sono barattabili con la stabilità a qualche poltrona”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News