Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 29 Giugno - ore 16.18

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

"Noi ci siamo messi in gioco, loro insultano"

Nella serata di Piazza Beverini, Maurizio Lupi replica alle parole di Orlando: "Il Ministro dimentica il rispetto, dovrebbe chiedersi perché la gente non lo segue più". E il centrodestra ci crede: "Domenica lo sfratto sarà esecutivo"

`Noi ci siamo messi in gioco, loro insultano`

La Spezia - "E' dal 1972 che questa città è governata dalla sinistra. Dateci una mano domenica a liberare Spezia". In Piazza Beverini arriva, o per meglio dire ritorna, l'onorevole Maurizio Lupi, capogruppo alla Camera dei deputati di Area Popolare, e il popolo del centrodestra si infiamma sulle parole introduttive di Kristopher Casati che dà il via alla serata-comizio che prosegue con le parole del segretario provinciale di Fratelli d'Italia Alessandro Rosson. Carica la piazza dando già il benservito agli avversari: "L'11 giugno abbiamo dato un avviso di sfratto al centrosinistra. Una città sporca, insicura che ora deve cambiare. Noi dobbiamo entrare in quel Comune, e Peracchini sarà il nostro sindaco. Dico a tutti di non mollare, andare in massa a votare, perché i compagni chiusi nelle loro stanze faranno di tutto per cercare di controbattere. Ma domenica per loro lo sfratto sarà esecutivo". Stefania Pucciarelli segue la scia generata: "C'è bisogno di un sindaco con la gente, purtroppo questa amministrazione si è dimenticata delle persone, degli anziani. Andiamo a votare domenica". Comizio veloce, come detto, Giacomo Giampedrone vede l'ultimo chilometro: "Mentre Manfredini quando parla dice di rivolgersi al popolo del centrosinistra, il nostro candidato si confronta con tutti gli spezzini. C'è ancora forza da qui a domenica, questa è la nostra squadra, sappiamo stare e governare insieme. Abbiamo vinto bene il primo turno, abbiamo detto che avevamo un progetto di città e abbiamo allargato la coalizione; loro no, nessun apparentamento con il resto della sinistra. Io oggi dico grazie e forza per raggiungere l'obiettivo che è un risultato storico".

"I cittadini hanno capito che c'era una proposta alternativa - incalza il consigliere regionale Andrea Costa -, ciascuno di noi ci ha messo passione e partecipazione. Anche lo sforzo di chi non è stato eletto è stato determinante. È possibile cambiare Spezia se riusciamo a convincere le persone, una per una. Non è soltanto una questione politica ma di dare risposte alla gente, quelle che sono sempre mancate in tutti questi anni. Dobbiamo continuare così fino a domenica, il centrosinistra e' radicato ed organizzato, cercheranno di coinvolgere tutti". Peracchini ascolta, annuisce, applaude, poi quando gli tocca parlare, attacca: "Siamo verso una società brutta, pericolosa. Parlano di valori, di una città decorata per le lotte della Resistenza, etc. etc.., poi si dimenticano di chi ha bisogno. Non so cosa proponessero nei loro programmi, tanti lo hanno copiato ma una cosa è certa: il candidato del centrosinistra ci dà sempre ragione. E' arrivato a dire che se diventerà sindaco cambierà la raccolta dei rifiuti. E' lui, proprio lui che ammette il fallimento. Non vogliamo il potere, noi vogliamo portare avanti il progetto, che secondo noi e' bello è realizzabile. Sono ottimista soprattutto perché realizzeremo quello che abbiamo detto". Ed è appunto Maurizio Lupi a chiudere il comizio di piazza Beverini: "In un'altra piazza alcune settimane fa abbiamo lanciato una sfida in cui tanti non credevano. I vostri volti, senza insulti e urli, parlando di problemi concreti, sono quelli di chi ci crede". Poi Lupi alza lo sguardo e risponde alle dichiarazioni rilasciate dal Ministro Orlando in mattinata: "Non si chiede il ministro il perché la gente non ti segue più; prova a domandarti, a metterti in gioco. Invece l'unica sua risposta è l'insulto, dire che nella nostra coalizione ci sono fascisti, razzisti. A parte che il rispetto dovrebbe prescindere, magari il signor ministro farebbe bene ad occuparsi occupi di giustizia. Gli rispondo che nelle nostre liste ci sono Francesca e Luca che hanno preso sei voti, a testa: la nostra coalizione sono persone come loro, il loro apporto vale esattamente come quello degli altri. Solo tornando seri e credibili, solo se smetti di fare l'allenatore, comprendi le persone, i loro bisogni. Nella nostra diversità c'è la sintesi, la verità di una coalizione. A Pierluigi dobbiamo dire grazie perché poco alla volta ha saputo tradurre queste cose. Noi tutti abbiamo deciso di scendere dal balcone e di andare in campo per la nostra storia. Questo è quello che cambia, alla Spezia e il nostro paese".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure