Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Sabato 21 Ottobre - ore 00.22

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

"No alla tassa sui treni, ancora un balzello per i liguri"

`No alla tassa sui treni, ancora un balzello per i liguri`

La Spezia - “No all’aumento dei biglietti dei treni liguri”. A dirlo sono i consiglieri regionali del Partito Democratico Raffaella Paita e Giovanni Lunardon, dopo che sulla stampa è stata pubblicata la notizia (poi confermata anche da Trenitalia) di un aumento tariffario del 5% sui ticket e sugli abbonamenti regionali (l’incremento per quest’ultimo titolo di viaggio è già scattato sulla prevendita il 25 dicembre scorso) a partire dal primo gennaio 2017, e cioè tra pochissimi giorni. “Trenitalia e la Giunta Toti avevano già concordato questa misura il 10 dicembre – precisano i due consiglieri regionali del Pd - ma non l’hanno mai comunicato né ai cittadini né tantomeno al Consiglio regionale. Un bel regalo di Natale e di inizio anno nuovo, non c’è che dire, a fronte di un servizio che purtroppo resta insoddisfacente. I convogli sono spesso sporchi e i tempi di percorrenza sempre più lenti. Per non parlare poi dei ritardi e delle soppressioni. Ma la Regione ha deciso ugualmente di concedere un aumento delle tariffe per i pendolari. Toti non aveva detto che avrebbe abbassato le tasse ai liguri? In un anno e mezzo di governo regionale, invece, il centrodestra non ha fatto altro che introdurre nuovi balzelli. E così dopo il tributo sui rifiuti introdotto alcuni mesi fa (la tassa Giampedrone), l’abbassamento degli scaglioni dell’Irpef regionale che ha esteso il pagamento di questa tassa anche alle fasce più deboli, i tagli alla sanità (tassa Viale) e i mutui faraonici per comprare a Toti la reggia di piazza De Ferrari (nuove tasse all’orizzonte per i nostri figli), adesso arriva anche la tassa Berrino sui treni. Per gli investimenti si vedrà più avanti, quando Trenitalia avrà la garanzia di un nuovo contratto di servizio per la bellezza di 15 anni, nel frattempo gli aumenti sono tutti, maledetti e subito. Chiediamo la sospensione immediata dell'aumento tariffario e la convocazione di un tavolo con sindacati e pendolari per incominciare la discussione su un piano tariffario equilibrato che aiuti gli abbonati, incentivi l'intermodalità e venga incontro alle famiglie".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure