Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 18 Dicembre - ore 22.51

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

"Nessun problema a Marola? Peracchini fornisca verbali Asl e Arpal"

I Murati Vivi: "Fiduciosi che la classe dirigente del nostro comune non si limiti alle dichiarazioni, ma produca un percorso di trasparenza e di condivisione totale".

non un passo indietro
"Nessun problema a Marola? Peracchini fornisca verbali Asl e Arpal"

La Spezia - "Vogliamo in primis tranquillizzare il sindaco Peracchini che la sua disponibilità non venga strumentalizzata per altri fini, nonostante avessimo chiarito questo aspetto durante il nostro incontro in municipio: riteniamo, non da oggi, che la salute pubblica e la salubrità ambientale del nostro quartiere siano un tema di civiltà e non di appartenenza politica, tanto che, come il sindaco attuale, il suo predecessore e tutta la comunità spezzina sanno benissimo, Murati Vivi in questi anni ha messo in luce le problematiche ambientali che affliggono il nostro territorio dal campo in ferro, alla presenza di eternit, dalle nocività delle demolizioni navali al traffico di scorie nucleari passando per lo smaltimento ordigni bellici". I Murati Vivi rispondono al primo cittadino attraverso le pagine di Città della Spezia rimandando al mittente qualsiasi ipotesi di strumentalizzazione e ribadendo che "in questi anni siamo andati ben oltre la semplice "protesta", come chi vi ha preceduto nell'amministrazione ben sa, dando prova di proposta per una visione del futuro del nostro quartiere, in tema di salubrità, di mobilità, di socialità".

Continua l'associazione marolina: "Siamo lieti dell'interessamento del sindaco Peracchini alle condizioni di salute e alla salubrità del quartiere di Marola ed abbiamo apprezzato la sua disponibilità nel ricevere una nostra delegazione. Tuttavia, oltre all'apprezzamento del suo impegno e della sua disponibilità, come è nostro costume, non possiamo sottacere su ciò che è accaduto e sta accadendo, esprimendo le nostre preoccupazione per il futuro più prossimo. Il sindaco senz'altro ricorderà, in quanto ex funzionario dell'Inail, le "linee Guida Generali da adottare durante le attività di bonifica da amianto in ambienti di vita outdoor", pertanto siamo certi che, anche in qualità di massima autorità sanitaria pubblica, saprà fornire i verbali delle autorità di controllo (Asl e Arpal) che hanno monitorato le aree civili, dove ricordiamo sorge anche la scuola di Marola, prima dei lavori in Arsenale, durante e dopo la loro conclusione. Ad oggi, nessuna autorità pubblica ha reso possibile un percorso di trasparenza su un fatto che preoccupa un intero quartiere, padri e madri di famiglia".

"Concediamo al sindaco anche il beneficio della distrazione - continuano - e gli rammentiamo che se, durante l'incontro avvenuto il pomeriggio del lunedì 12 novembre egli stesso affermava che la presenza di amianto era da accertare, dopo poche ore, in consiglio comunale, alla sua presenza (e nostra) l'assessore all'ambiente Casati affermava la certezza della presenza di amianto nelle aree civili. Riteniamo che le istituzioni democratiche abbiamo il dovere di compiere il loro ruolo, sia nella forma che nella sostanza, motivo per il quale abbiamo espresso il nostro apprezzamento per la convocazione della commissione ambiente, convocazione che l'assessore Casati ha ribadito in consiglio comunale, non in un colloquio privato, e luogo in cui siamo disposti ad essere auditi per esporre la situazione attuale del nostro quartiere ed il clima di apprensione per la nostra salute e quella dei nostri figli. Auspicando che il nostro pensiero e le nostre preoccupazioni non siano strumento di speculazione politica, siamo fiduciosi che la classe dirigente del nostro comune non si limiti alle dichiarazioni, ma produca un percorso di trasparenza e di condivisione totale su una questione delicata come la presenza dell'amianto sulla soglia delle nostre case, dei nostri luoghi di lavoro, nei luoghi di formazione e di educazione".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News