Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Domenica 17 Febbraio - ore 00.03

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

"Le polemiche non servono a nessuno, accise necessarie dopo maltempo"

Il governatore Toti risponde alle critiche di Toninelli, del Pd e delle altre opposizioni: "Gli italiani pagano ancora per l'Irpinia e la crisi del canale di Suez. L'opposizione critica un provvedimento che firmò nel 2011".

il punto
"Le polemiche non servono a nessuno, accise necessarie dopo maltempo"

La Spezia - “Nessun mistero sulle accise. La tassa era presente dal 2011 a seguito dei danni alluvionali che colpirono tutta la Liguria. Oggi il Pd disconosce questo provvedimento che, probabilmente, è stata una delle poche mosse sagge della precedente legislatura. E al Ministro Toninelli chiedo di non fare polemica, perché qua non c'entra l'efficienza di una Regione. Bastava informarsi”. Sono le parole del presidente della Regione Liguria Giovanni Toti in merito alle roventi polemiche di questi giorni in merito all'applicazione delle accise sulla benzina.
Toti, nel suo intervento proprio dagli uffici di Piazza De Ferrari, ha spiegato la necessità dell'applicazione della tassa di scopo: “Faremo un rendiconto attento, in bilancio, come abbiamo sempre fatto nella massima trasparenza. Quei soldi servono per prevenire e intervenire su tutto ciò che riguarda il maltempo, a seguito del 29 e del 30 ottobre che ha colpito tutta la Liguria fino a Sarzana, a sostenere i piccoli comuni che hanno dovuto fronteggiare delle dispendiose somme urgenze. Lo ricordo, sono per i beni pubblici i danni ammontano a 150milioni di euro senza dimenticare che per i privati non sono ancora stati stimati”.

“Il governo - ha proseguito Toti - fa bene a voler levare le accise ed è un'azione meritevole, ma non dobbiamo dimenticare che gli italiani le pagano ancora sulla crisi del Canale di Suez del 1956, per l'alluvione di Firenze del 1966 e per il disastro del Vajont del 1963, per il terremoto dell'Irpinia dell'Ottanta. Solo per citarne alcune. Si metta mano a quelle che ormai non sono tasse di scopo. Con il governo centrale, interfacciandomi con il Premier Conte, il confronto è stato sereno e abbiamo preso degli accordi. Ed è chiaro che con soli 6.5 milioni e mezzo per tutta la Liguria servono altri denari per sostenere le comunità in difficoltà. Lo ribadisco, le accise del 2011 non servono solo per Genova e Ponte Morandi. Non fanno bene a nessuno, invece, le gazzarre e le polemiche”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News