Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 18 Giugno - ore 10.12

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

"La presa di posizione del sindaco scomposta e inaccettabile. Coerenza andata alle ortiche"

Le opposizioni in Comune e Arci intervengono nel dibattito: "Nei confronti di don Vannini si è andati oltre ogni decenza"

"Le restava proclamarsi uomo di fede"

La Spezia - Non si placano i commenti sul post del sindaco Pier Luigi Peracchini in merito alle vicende scatenate dopo il suono delle campane a morto suonate da don Vannini in concomitanza alla presentazione del libro edito da Altaforte, vicina a Casa Pound, "La morte della Repubblica" (vedi QUI).
Nel dibattito si inseriscono anche le opposizioni in Comune e Arci la Spezia. "Un sindaco inadeguato ed ipocrita che si permette di attaccare un sacerdote impegnato nella difesa degli umili ed amato da tutta la comunità come Don Francesco. Siamo oltre la decenza.” scrivono Guido Melley, LeAli a Spezia, Federica Pecunia, Pd, Massimo Lombardi, Spezia bene comune, Luigi Liguori, Spezia bella, forte ed unita, Paolo Manfredini, Partito Socialista, che continuano: “Invece di chiedere scusa ai cittadini per lo sfregio dei fascisti alla Mediateca, Peracchini chiama “cosiddetto prete” Don Francesco. E gli dà lezioni di Vangelo. Incredibile. Imita Salvini, che brandisce il rosario nei comizi per attaccare il Papa. Una vergogna, una mancanza di rispetto che indigna anche i laici e non credenti.”
Concludono i consiglieri: “Un presa di posizione scomposta ed inaccettabile per un Sindaco che ogni giorno dimostra la sua totale inadeguatezza a ricoprire il ruolo di primo cittadino.”

Arci la Spezia in una nota scrive: "Signor sindaco Peracchini, siamo passati dall'art 21 della Costituzione al Vangelo, per difendere la sua indifendibile scelta. Le sue interpretazioni autentiche contrastano con il sentimento comune e senso logico di credenti e di laici. Lei ha compiuto una scelta politica sbagliata, sbagliata, sbagliata. E solo per assecondare la Lega che la sostiene".
"Adesso nega l'evidenza delle parole del 'Vangelo di oggi' - proseguono nella nota - che non la assolvono per avere pubblicamente accolto i fascisti a Spezia, ma al contrario invitano all'amore verso gli altri che è quello che i suoi alleati di maggioranza negano ogni giorno in dichiarazioni e atti concreti. Amore, tolleranza e rispetto che Don Vannini pratica quotidianamente. La coerenza con l'orazione del 24 aprile è andata alle ortiche".
"Le restava proclamarsi uomo di fede - concludono-, ma pure questa prospettiva ci pare sfumata vista la sua invettiva contro un sacerdote. Don Francesco ha fatto ciò che la sua coscienza gli imponeva, non deve essere stato facile. Noi lo comprendiamo, lo abbiamo molto apprezzato e ha tutta la nostra solidarietà".


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia































La Piazza Sospesa sorgerà tra Via Diaz e il lungomare: vi piace il progetto?











Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News