Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 21 Febbraio - ore 11.23

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

"L'alleanza di governo è destinata a esplodere"

Manuela Gagliardi risponde alle domande di inizio anno: "Il centrodestra è una coalizione spontanea e corente con i valori ispiratori dei rispettivi movimenti". Sulla giunta spezzina: "Non percepisco scricchiolii, siamo una squadra coesa".

L'intervista di CDS
"L'alleanza di governo è destinata a esplodere"

La Spezia - L'esperienza nel ruolo di primo vicesindaco donna della Spezia è durata meno di un anno, ma quella di assessore prosegue. Manuela Gagliardi ha infatti dovuto cedere il ruolo di rappresentante istituzionale in vece del sindaco a causa dell'elezione alla Camera e il contestuale trasferimento a Roma per alcuni giorni della settimana. Le deleghe al Patrimonio, alle Partecipate, all'Avvocatura civica e agli Affari legali e quella a Contratti e Appalti sono invece rimaste in capo all'avvocatessa spezzina che oggi sta vivendo a pieno l'impegno politico tra le fila di Forza Italia, con una non celata preferenza per le posizioni del presidente della Regione Giovanni Toti.

Dopo i primi mesi di attività parlamentare come valuta l'operato del governo e della maggioranza parlamentare?
"Alcuni dei provvedimenti adottati attuano il programma di centro destra che la maggioranza degli italiani ha scelto e che io condivido. Altri rispecchiano invece l’ideologia pentastellata di assistenzialismo e giustizialismo. È evidente che su quest’ultimi non possa che esprimere un giudizio negativo".

La Lega ha sancito la rottura dell'alleanza di centrodestra per poter creare un governo con il M5S, ma a livello regionale e locale siete nella stessa maggioranza. Come gestire questa situazione in vista delle prossime tornate elettorali?
"L’alleanza delle forze di centrodestra è spontanea e coerente con i valori ispiratori dei rispettivi movimenti. Gli elettori del centrodestra si riconoscono da sempre in un progetto comune. Senza distinzioni. Al contrario l’unione tra Lega e 5 Stelle è una “fusione a freddo” che per evidenti motivi non potrà che portare all’esplosione dell’alleanza di governo. Ciò è ancora più evidente se mettiamo a confronto i pasticci quotidiani che avvengono nei palazzi romani con gli equilibri e le importanti sinergie dei governi locali. il Governo, andato in confusione su molti provvedimenti, in questi casi ha prodotto solo un miscuglio di norme parecchio incoerenti. La ricetta per lo sviluppo è una sola: più libertà e meno burocrazia, flessibilità, investimenti, grandi cantieri per nuove infrastrutture, ricerca scientifica, un sistema industriale e finanziario forte che competa nel mondo. Vediamo molto di tutto questo a livello territoriale e regionale, poco a livello di Governo".

Teme lo schiacciamento dell'area moderata alle Europee e la possibilità che gli "alleati" del Carroccio possano in seguito aspirare a esprimere candidature che sino a pochi mesi fa erano state appannaggio dell'area forzista?
"Probabilmente il fronte sovranista otterrà buoni risultati alle europee: la tendenza è continentale, non solo italiana, e dovremo fare i conti certamente con un’Europa diversa da giugno in poi. Detto questo sia all’interno che all’esterno della Lega i valori moderati e liberali godranno di ampio spazio, come ne godono nel Paese. La forza elettorale della Lega di questo momento deve servire agli altri partiti dell’area del centrodestra per uscire finalmente dai vecchi schemi degli ultimi vent’anni e capire che è giunto il momento di svoltare. Gli amici della Lega, che ritengo persone intelligenti, ritaglieranno a questi valori un adeguato spazio e questo lo ritengo un fatto positivo, certo non negativo: anche al fine di raggiungere il giusto equilibrio che da sempre contraddistingue le amministrazioni dove governiamo insieme".

Come sono i rapporti con i colleghi spezzini? Ci sono stati momenti di collaborazione a favore del territorio che rappresentate? Per esempio: l'economia spezzina attende da decenni la conclusione del raddoppio della Pontremolese...
"Non ho mai avuto nessuna preclusione a collaborare con i colleghi parlamentari per ottenere risultati positivi per il nostro territorio. L’ho fatto esprimendo il mio voto favorevole al decreto Genova e collaborando con la senatrice Pucciarelli, l’onorevole Viviani e il viceministro Rixi: per dare ad esempio risposte sullo sblocco con Anas del cantiere dell’Aurelia bis. Difficile invece trovare punti di incontro con i parlamentari del Pd, che sono sempre troppo concentrati sulle beghe di partito invece che collaborare per la nostra provincia".

Ha deciso di proseguire gratuitamente l'impegno da assessore comunale e il sindaco l'ha ringraziata rimarcando l'importanza di avere un rappresentante in parlamento. Sino a ora in quali frangenti è risultato proficuo questo doppio ruolo?
"Ringrazio il sindaco per avermi chiesto con forza di rimanere a far parte della sua squadra dopo l’elezione di marzo. L’impegno per la mia città è quotidiano e costante: ho depositato regolarmente emendamenti e ordini del giorno su temi legati al bilancio degli enti locali e sulla necessità di sostenere i Comuni sia attraverso l’eliminazione di vincoli che attraverso maggiori finanziamenti. Continuerò a farlo ogni giorno".

Con il nuovo assetto societario di Atc si può dire concluso il percorso di revisione delle società partecipate del Comune della Spezia?
"Abbiamo approvato nelle scorse settimane la delibera di revisione delle partecipate dove sono state indicate nel dettaglio le varie attività che dovranno essere poste in essere, nei prossimi mesi, per le singole società".

La delega al Patrimonio: dopo la revisione dei contratti quale obiettivo si pone?
"Il patrimonio del Comune deve essere gestito con la stessa attenzione con cui si gestisce il proprio privato, valorizzandolo al meglio e cercando di evitare che l’Ente sopporti costi senza che i cittadini possano beneficare degli immobili. Nei prossimi mesi lavoreremo, insieme agli assessori Piaggi e Brogi, per realizzare progetti di risistemazione dei parchi pubblici, che sono così importanti per i bambini e gli anziani della nostra città".

Cosa pensa degli screzi continui tra il duo Guerri-Caratozzolo e il resto della maggioranza?
"Guerri e Caratozzolo si caratterizzano soprattutto per il loro movimentismo fine a se stesso, spesso non coerente con la maggioranza a cui hanno deciso di aderire, molto meno nel quotidiano come amministratori nell’interesse della cittadinanza. Peccato per loro. Per il resto la maggioranza tiene ed è forte indipendentemente da loro".

Dopo un inizio "rose e fiori" negli ultimi mesi si sono percepiti alcuni scricchiolii anche all'interno della giunta, per differenza di vedute su questioni di merito e di metodo. Con l'avvicinarsi delle prossime elezioni la squadra potrebbe perdere qualche pezzo?
"Non mi pare sinceramente di percepire quello che afferma lei. Siano una bella squadra eterogenea e coesa che lavora e si confronta. Il sindaco pretende molto da ciascuno di noi e ci stimola continuamente a fare meglio. Il 2019 sarà l’anno del consolidamento del cambio di passo della città".

Il 2018 è stato certamente un anno di grandi soddisfazioni personali. Cosa si aspetta dal 2019?
"Il 2018 è stato un anno fantastico, in cui ho percepito l’affetto e il sostegno di tanti concittadini nel mio lavoro di vicesindaco prima e poi nella tornata elettorale che mi ha portata in Parlamento. Nel 2019 mi auguro di proseguire in questo percorso, che molti Comuni della provincia si colorino sempre più dei nostri colori e che La Spezia insieme a Sarzana e a molte altre realtà della nostra provincia facciano il loro definitivo salto in avanti. Il vento è cambiato e continuerà a soffiare più forte".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News