Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 23 Marzo - ore 23.55

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

“In un condominio del centro città 33 migranti e trenta residenti"

De Paoli: "Occorre spostare i richiedenti asilo o, almeno, ridurne il numero. Per gli abitanti italiani la vita sta diventando impossibile”.

“In un condominio del centro città 33 migranti e trenta residenti`

La Spezia - "In un condominio di via Spallanzani alla Spezia, abitato da trenta italiani, sono stati collocati ben trentatrè richiedenti asilo: le famiglie spezzine non sono state informate dell’arrivo dei migranti e quindi i residenti sono stati costretti ad accettare di convivere con la nuova situazione che si è creata perché il proprietario degli alloggi ha partecipato al bando, emesso dalla Prefettura, per l’accoglienza degli stranieri". Ieri il consigliere regionale della Lega Nord Liguria, Giovanni De Paoli, si è recato sul posto e poi ha incontrato il Prefetto della Spezia Antonio Garufi per esporre la grave situazione e tentare di risolvere il problema esposto dai condomini esasperati.
“I trentatrè richiedenti asilo – spiega De Paoli - sono stati collocati in quattro appartamenti che erano sfitti. Il proprietario ora ci guadagna, approfittando del business dei 35 euro al giorno. Però, i migranti sono troppi. Occorre quanto meno ridurne il numero. I residenti di via Spallanzani mi hanno infatti riferito che la vita nel loro palazzo sta diventando impossibile, anche perché gli ospiti stranieri hanno dimostrato di avere un’assoluta mancanza di rispetto delle regole di condominio e della normale convivenza civile. Inoltre, alcuni sono persone anziane, vivono da soli e hanno paura. Pertanto, la situazione si sta facendo ogni giorno sempre più tesa e difficile. Non si può far finta di nulla ed abbandonare a se stessi gli abitanti. Il Commissario UE all’Immigrazione ha dichiarato che i migranti che sbarcano in Europa, attraverso la rotta Centrale del Mediterraneo, sono per l’80% irregolari e per il 20% risultano rifugiati. L’accoglienza per i veri profughi è sacrosanta, ma a rimetterci non possono essere le famiglie e i nostri anziani, potenzialmente vittime di soprusi da parte dei nuovi arrivati. Insieme al Prefetto Garufi abbiamo discusso anche della situazione di degrado che si è creata a Varese Ligure, dove altri migranti, stavolta accolti nella struttura della Croce Rossa, bivaccano tutto il giorno nella piazza principale del paese, con conseguente disagio per residenti, commercianti e turisti. Il Prefetto si è dimostrato attento e disponibile a risolvere le problematiche esposte da me e riferite dai cittadini. Auspico che attraverso il costruttivo rapporto fra istituzioni, si riesca a trovare una soluzione per evitare ulteriori disagi alla cittadinanza”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure