Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 20 Settembre - ore 21.16

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

"Il Puc non incide sul demanio marittimo, Peracchini si informi"

Il Pd a gamba tesa in difesa del porto. "Dal sindaco uscite insensate e poi il tentativo di dare ragione a tutti".

PRIMA I SINDACATI, ORA L'OPPOSIZIONE
"Il Puc non incide sul demanio marittimo, Peracchini si informi"

La Spezia - "Sembra proprio il caso di dire che sul porto il sindaco Peracchini non sappia che pesci prendere. Prima sferra un attacco violento e insensato contro la portualità (e già che c’era anche contro la Marina Militare) nel corso di una iniziativa pubblica. Ora, di fronte alla ferma reazione dei sindacati in difesa della nostra portualità, fa mezza marcia indietro e si arrampica sugli specchi nel tentativo di dar ragione al diavolo e all’acqua santa, da Arbasetti a Furletti". Prende la mira Federica Pecunia del Partito Democratico e punta il dito sulle frizioni tra Palazzo Civico, sindacati e porto degli ultimi mesi.
Ieri il sindaco rivendicava di aver dato via libera alla realizzazione del piano regolatore portuale avendo fatto decadere il Puc. "Goffo tentativo - lo bolla Pecunia - quello di coinvolgere il Puc affossato dalla sua maggioranza in nome del cemento. sindaco, la prego si informi! I piani comunali non possono interferire nelle aree del demanio marittimo e perfino sul molo della stazione crociere il Puc non era, né poteva essere, vincolante come ha ben spiegato recentemente anche la presidente AP Carla Roncallo. Insomma c’è da preoccuparsi: con questi atteggiamenti non si va da nessuna parte".

"Il Porto della Spezia è una risorsa fondamentale di lavoro, di economia e di ruolo per la nostra città. Va difeso e valorizzato perché nessun traguardo oggi è mai definitivo. Genova e Livorno si stanno attrezzando con nuovi spazi e potenti infrastrutture e Spezia deve essere capace di reagire se vuole rimanere in gioco senza essere schiacciata tra i due grandi scali. Il piano regolatore portuale allora va completato accelerando e senza tentennamenti politici. E attuare il piano regolatore significa anche realizzazione della fascia di rispetto, delle barriere antirumore e anti polvere, per una migliore qualità di vita dei quartieri del levante che ora potranno usufruire anche dei finanziamenti del governo per le periferie conquistati dalla precedente amministrazione. Insomma è tutto quanto impostato e tutto in corso d’opera".
"Non penso servano molte parole per evidenziare l’importanza, sotto il punto di vista occupazionale e di sviluppo economico, che la realtà portuale riveste per la nostra città le fa eco il compagno di partito Marco Raffaelli - Un know how che ha permesso allo scalo spezzino di affermarsi a livello internazionale. Tutto ciò va salvaguardato, reso ancor più competitivo con le opere infrastrutturali previste, ed integrato con i bisogni della città. Faccio però notare che, come i sindacati per i suoi iscritti, anche la politica deve avere un occhio di riguardo alle “condizione economiche e lavorative” dei cittadini, tanto più se si parla di un settore che genera percentuali elevate di PIL.
Pertanto ho chiesto al presidente della Terza commissione di iniziare un percorso di audizioni, dopo il 4 marzo - non sia mai che qualcuno poi pensi di strumentalizzare il tema sotto campagna elettorale -, con Autorità di Sistema Portuale, sindacati, soggetti imprenditoriali, comitati cittadini, per ascoltare ed approfondire le necessità del settore, e capire a che punto siamo con la realizzazione delle opere infrastrutturali ad esso collegate".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News