Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 20 Settembre - ore 09.23

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

"Felettino in ritardo, Sant'Andrea in pessime condizioni. Si usi il San Bartolomeo"

Michelucci (Pd): "Centrodestra incapace di gestire progettualità determinanti per la nostra comunità".

"trasferiamo tutto a Sarzana"
"Felettino in ritardo, Sant'Andrea in pessime condizioni. Si usi il San Bartolomeo"

La Spezia - “I ritardi nell'avanzamento dei lavori per la realizzazione del nuovo Felettino cominciano ad essere veramente preoccupanti. Il pericolo che non si riesca a chiudere il cantiere nel 2020 è sempre più reale". Attacca la giunta di centrodestra, il consigliere di minoranza Juri Michelucchi, "incapace di gestire progettualità determinanti per la nostra comunità e che sta letteralmente privando il capoluogo di un ospedale conquistato dal centrosinistra: quali sono le ragioni dei ritardi? Quali saranno per davvero i tempi di apertura del nuovo ospedale? La destra deve dare risposte chiare ai cittadini su servizi essenziali come quelli sanitari. Invece il silenzio dei nostri amministratori regionali è sempre più assordante".

Continua Michelucci: "Tali ritardi comportano un rischio aggiuntivo e non secondario – rischio che lo stesso Conti riferì in commissione regionale – quello di far venire meno le risorse necessarie per consentire che il Sant'Andrea possa mantenere un livello adeguato e dignitoso di servizi fino all'apertura del nuovo ospedale. E' notizia ricorrente, infatti, la condizione pessima in cui versa il Sant'Andrea: la struttura presenta grosse criticità dal punto di vista funzionale, dagli ascensori inutilizzabili alle infiltrazioni d'acqua all'interno dei reparti. Il centro sinistra aveva avviato un processo di integrazione tra il Sant'Andrea e il San Bartolomeo volto a traguardare l'apertura del Felettino, mantenendo la sede di Dea alla Spezia e i servizi integrati a Sarzana, tenendo conto di una data di fine lavori che oggi, per l'incapacità della politica regionale, non è più una certezza. Alla luce della situazione attuale credo sia giunto il momento di rovesciare tale impostazione: i pazienti hanno necessità di servizi all'altezza, erogati in spazi adeguati e non è possibile pensare di far vivere loro una situazione di emergenza permanente da qui all'apertura del nuovo Felettino.

Michelucci individua la soluzione: "Trasferire al San Bartolomeo i servizi essenziali oggi erogati dal Sant'Andrea. Non possono pagarla sempre i cittadini. Si prenda atto della situazione incresciosa che si sta verificando e si attui questa soluzione che è l'unica percorribile se si vuole salvaguardare il livello dei servizi della sanità spezzina”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News