Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 24 Maggio - ore 00.24

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

"Dieci treni in meno, mai visto un orario così penalizzante"

La denuncia è dei consiglieri del Pd Paita e Michelucci: "Saremo a fianco dei pendolari, assistiamo all'orario invernale peggiore di tutti i tempi"

`Dieci treni in meno, mai visto un orario così penalizzante`

La Spezia - Il taglio di dieci convogli è inaccettabile. La denuncia è di Raffaella Paita e Juri Michelucci, consiglieri regionali del Partito democratico che giudicano l'orario invernale penalizzante come quello in vigore dal 2 novembre scorso alle Cinque Terre. In una nota dei consiglieri si legge: "La Regione e Trenitalia hanno tagliato ben 10 convogli e oltre al danno hanno aggiunto anche una tremenda beffa per tutti i pendolari: quattro dei dieci treni eliminati sono stati inseriti ugualmente negli orari affissi nelle stazioni, creando ulteriori disagi ai viaggiatori. Una vicenda allucinante, visto che le Cinque Terre sono state usate, in primavera e in estate, come un vero e proprio bancomat dalla Regione e dall’azienda. Gli enorme ricavi ottenuti grazie al Cinque Terre Express - costato ai turisti 4 euro a fermata - non hanno portato però alcun beneficio al territorio. Anzi, questo nuovo orario è il peggiore di tutti i tempi".
"L’assessore Berrino - proseguono Paita e Michelucchi -anche in quest’occasione, dopo le proteste dell’anno scorso, ha dimostrato di non aver alcuna intenzione di ascoltare le richieste dei pendolari. Gli orari dovrebbero essere costruiti insieme a chi utilizza il treno per andare tutti i giorni a scuola e al lavoro, ma, a quanto pare, all’assessore ai Trasporti interessa davvero poco la partecipazione. E questi sono il risultati".
"Come Partito democratico - concludono nella nota - lotteremo al fianco dei cittadini e dei pendolari della zona, che già si sono mobilitati per chiedere alla Regione e a Trenitalia di fare un passo indietro. Non è possibile continuare a penalizzare un territorio come questo, che dà tantissimo alla Liguria, ma poi non riceve mai nulla. Le Cinque Terre non possono vivere soltanto d’estate. Serve maggiore rispetto per chi vi abita e deve spostarsi ogni giorno con i mezzi pubblici".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure