Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 27 Giugno - ore 11.11

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

“Chiudete Casapound come hanno fatto a Bari” | Video

La Sinistra si ritrova in Piazza Brin a pochi giorni dalla manifestazione contro la presentazione del libro e rilancia: “Legalità non è un tema della destra ma di tutti, la Costituzione è la legge basilare dello Stato”.

“Chiudete Casapound come hanno fatto a Bari”

La Spezia - “I fatti di Bari sono recentissimi e l’aggressione da parte di alcuni esponenti di Casapound è stata acclarata dalla magistratura che ha dimostrato che non si tratta di un episodio isolato ma di una strategia squadrista da inquadrare organicamente”. E’ l’avvocato Michele Fiore a contestualizzare il senso dell’esposto presentato alla Procura della Repubblica del Tribunale della Spezia in cui i richiedenti, partendo dalla nota vicenda giudiziaria avvenuta nei mesi scorsi nel capoluogo pugliese, chiedono alla magistratura spezzina di eseguire accertamenti sulla sede di Casapound, aperta alla fine del 2017 nel quartiere del Canaletto. A Bari la Corte di Cassazione ha dato il via dapprima al sequestro per poi accordare la chiusura della sede, e 28 persone sono indagate per reati di riorganizzazione del partito fascista. Esistono i presupposti per un’analoga chiusura della realtà spezzina? “La strategia violenta di repressione di gruppi portatori di una diversa ideologia politica messa in atto durante l'aggressione ai manifestanti antifascisti al termine della manifestazione anti Salvini il 21 settembre scorso, "richiama indubbiamente il metodo fascista": è questa la motivazione con cui il Tribunale del Riesame di Bari ha disposto che la sede barese di Casapound resti sotto sequestro.

“Oggi ci occupiamo di Casapound - continua Fiore - ma un discorso analogo si potrebbe fare per Forza Nuova. Riteniamo che la legalità non è un tema della destra ma di tutti, la Costituzione è la legge basilare dello Stato. Secondo noi è opportuno fare accertamenti da parte degli organi preposti”. Hanno scelto di incontrare la stampa in Piazza Brin, la medesima agorá dove sabato scorso le diverse anime della sinistra si erano unite in corte: “Il nostro vuole essere un atto di responsabilità poiché notiamo che le istituzioni se ne lavano le mani, vedi le giustificazioni del sindaco Peracchini a Spezia o di Bucci a Genova. L’episodio di violenza è l’effetto, noi diciamo che bisogna prevenire. Ricordo l’episodio in cui lungo il Magra vennero trovati tempo addietro materiali nazisti”.

Le forze della sinistra prepareranno nei prossimi giorni anche una petizione su Change.org per coinvolgere il maggior numero di persone possibili. Ma è chiaro che determinate battaglie non si giocano sul locale: “Questo dovrebbe essere un discorso nazionale perché quei partiti non dovrebbero stare nel perimetro istituzionale. Di fronte a tutto questo ci siamo guardati in faccia e abbiamo detto: facciamo questo atto forte. Non stiamo dicendo che sono delinquenti perché hanno combinato qualcosa, il senso di questo documento è ribadire con fermezza che è un reato essere fasciati e fare proselitismi. E loro questo lo fanno. Il nostro è un obiettivo politico, certo, ma anche di legalità. Vogliamo sapere cosa ne pensano i magistrati” - ha concluso Fiore.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Video

23/05/2019 - "La Sinistra" presenta un esposto per la chiusura della sede spezzina di CasaPound


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News