Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Sabato 17 Agosto - ore 22.15

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

"Asti lasci anche il Turismo. Scaricabarile del sindaco vergognoso"

Alcuni gruppi di opposizione chiedono al sindaco di riferire in consiglio comunale sulla vicenda e di ritirare tutte le deleghe all'assessore.

"Non esistono incarichi formali"
"Asti lasci anche il Turismo. Scaricabarile del sindaco vergognoso"

La Spezia - “Asti deve lasciare anche il Turismo, non può fare l’assessore. E lo scarica barile di Peracchini è vergognoso, si assuma le sue responsabilità.”
Così Federica Pecunia, Pd, Guido Melley, LeAli a Spezia, Massimo Lombardi, Spezia bene comune, Luigi Liguori, Spezia bella forte e unita e Paolo Manfredini, Partito socialista, rispondono alle dichiarazioni rese dal primo cittadino e dall'assessore finito nell'occhio del ciclone (leggi qui).

“Un Peracchini allo sbando, costretto dagli eventi a chiedere ad Asti di rimettere la sua delega alla Cultura, vuole dare vita ad una commissione di inchiesta con lo scopo di smorzare e anestetizzare le conseguenze mediatiche e politiche di una vicenda spinosa sfuggita al suo controllo. Venga invece subito a riferire in consiglio comunale e intanto tolga ad Asti anche le altre deleghe, a cominciare dal turismo: se la sua fiducia è venuta meno, se Asti non può ricoprire il ruolo da assessore alla cultura non può farlo neanche per il resto, visto che lo stile di gestione di Asti è lo stesso in ogni suo incarico istituzionale. Il sindaco, invece di fare lo scaricabarile, farebbe bene ad assumersi le responsabilità di questa crisi politica che ha investito il suo mandato, con le prime dimissioni di un assessore. Inoltre non provi a mettere di mezzo dirigenti comunali che nulla hanno a che spartire con questa vicenda”.

Continuano i capigruppo: “L’amministrazione, tramite la segreteria generale, già conferma che non esistono incarichi formali alla società ed alla associazione di Asti per la gestione eventi; confermando quindi la condotta inappropriata ed il conflitto di interessi di Asti. Il quale, per difendersi, si rifugia in uno squallido attacco alla dottoressa Marzia Ratti. Ci aspettiamo quindi di conoscere nel dettaglio tutti gli aspetti della opaca gestione degli assessorati in capo ad Asti.”

Concludono gli esponenti dell’opposizione: “Aspettiamo il sindaco in consiglio comunale. Da parte nostra continueremo a tenere alta l’attenzione sul casi nell’interesse della trasparenza amministrativa e dei cittadini della nostra città”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News