Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 29 Giugno - ore 10.54

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

"Al secondo turno possiamo crescere, il centrodestra no" | Video

In Via Lunigiana il Pd e Manfredini iniziano la nottata elettorale col morale sotto le suole delle scarpe. Appurato di aver centrato il ballottaggio si è iniziato a ragionare sul dato complessivo del centrosinistra. Ma ci sono anche le anime critiche

#alvoto
`Al secondo turno possiamo crescere, il centrodestra no`<span class=´linkFotoA1´ style=´color: #000´> | <a href=´/videogallery/Manfredini-Apriamo-un-ragionamento-col-1206.aspx´ class=´FotoVideoA1´ style=´Font-size: 33px´>Video</a></span>

La Spezia - Le prime telefonate dei rappresentanti di lista, che poco prima della mezzanotte e mezzo snocciolavano i voti presi dai candidati a sindaco nei rispettivi seggi, hanno reso le facce cupe e tese in Via Lunigiana. La batosta di una delle sezioni di Piazza Verdi sembrava l'inizio della debacle. "E Forcieri è alto", commentavano alcuni. Che Pierluigi Peracchini e il centrodestra potessero essere avanti si sapeva, ma nel quartiere generale del Partito democratico, dove anche il candidato Paolo Manfredini ha seguito le prime operazioni di scrutinio, non si attendevano differenze così pesanti. Con l'andare del tempo l'altalena dei dati ha riconsegnato un po' di serenità, l'analisi si è portata su considerazioni ulteriori alla sconfitta del primo turno. Con la certezza del ballottaggio il bicchiere ha iniziato a diventare mezzo pieno.
"Non era un risultato facile da ottenere, con la frammentazione delle forze di centrosinistra e l'incognita del Movimento cinque stelle. Non abbiamo ancora i dati definitivi, ma mi pare colto. Complessivamente è un risultato positivo, era il nostro obiettivo". Manfredini commenta così, a caldo, gli esiti della conta dei seggi, che prosegue collocandolo poco oltre il 25 per cento, 8 punti sotto Peracchini.
"Si gioca tutto tra quindici giorni: dobbiamo aprire una discussione col popolo del centrosinistra - prosegue - per trovare un'intesa che superi queste divisioni, sui nostri temi e sul programma. Possiamo andare oltre il voto di protesta con i nostri contenuti e con l'idea di costruire un progetto futuro, continuando le cose importanti fatte e migliorando e cambiando quello che lo richiede".

Massimo Federici, sindaco uscente, si è visto prolungare l'incarico di due settimane. Il 25 giugno saprà a chi dovrà consegnare il testimone. "Il risultato del centrodestra è abbastanza scontato: non c'è stato un exploit, sono stati ripagati dalla compattezza. Se guardiamo il risultato nostro e lo sommiamo con le liste che non hanno fatto parte della coalizione ampia del 2012, si arriva agli stessi dati di cinque anni fa. Ora non resta che lavorare pancia a terra in vista del ballottaggio".
"Secondo alcuni non saremmo arrivati al secondo turno - commento Raffella Paita - perché la divisione del fronte del centrosinistra avrebbe consegnato il secondo posto al Movimento cinque stelle. Piuttosto, non mi sembra che il centrodestra sia cresciuto rispetto ad altre Comunali e alle scorse Regionali: si attesta sempre poco sopra il 30 per cento. E il centrosinistra, nel suo insieme, ha un 45-50 per cento. Adesso è il momento del dialogo, dell'umiltà e dell'approccio contenutistico, non è scontato che questa città voglia andare a destra. Parleremo con gli elettori e con i candidati per ritornare a condividere un pezzo di strada".
Sulla stessa lunghezza d'onda la segretaria provinciale del Pd, Federica Pecunia: "Si deve ragionare con tutti i candidati che sono nell'alveo del centrosinistra, facendo valere il nostro sistema valoriale e il programma, con spirito di condivisione. Sta a noi metterci a disposizione, con le idee e con un progetto di tutte le forze di sinistra, per fare quadrato e andare a vincere al ballottaggio".

L'esito dei primi scrutini, oltre alle facce contrite, aveva creato anche qualche mal di pancia, con Luca Basile visibilmente contrariato per la disfatta che sembrava concretizzarsi.
"Penso che si poteva fare uno sforzo maggiore per unificare maggiormente il fronte del centrosinistra - afferma Davide Natale, che insieme a Basile è da annoverarsi tra gli orlandiani - ma credo che, visto che alcuni candidati si riconoscono apertamente nella nostra stessa area politica, si possa avviare una discussione su temi programmatici e fare una apertura con le altre forze politiche per affermarci al secondo turno. La distanza da Peracchini e dal centrodestra non è così importante. Loro oggi hanno fatto il pieno, noi dobbiamo farlo al secondo turno".

Altro punto di vista è quello di Brando Benifei, europarlamentare al quale fa capo un'altra area piddina. "Il risultato non è soddisfacente, anche se alcuni mettevano in dubbio che avremmo potuto centrare il ballottaggio. Resta il fatto che ci dobbiamo interrogare sugli errori commessi, fare autocritica: il Pd non è autosufficente, ma dobbiamo alzare muri contro la destra di Toti e Salvini. C'è scontento, c'è chi chiede più discontinuità, ci sono i critici verso l'amministrazione uscente e oggi al Pd serve un bagno di umiltà per trovare una unità più larga, fondamentale per non dare la città in mano a chi porterebbe la Spezia indietro di decenni. In questi anni è migliorata, ma serve una riflessione collettiva. Manfredini può unite e dare quel cambiamento e quella discontinuità che è stata chiesta chiedono dalle urne".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Video

12/06/2017 - Manfredini: "Apriamo un ragionamento col popolo del centrosinistra"


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure