Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 20 Marzo - ore 17.00

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Verniciatura in cantieri nautici, possibili modifiche alla norma: distanza minima nel mirino

Giampedrone: "Ora limiti chiari per le imprese"
Verniciatura in cantieri nautici, possibili modifiche alla norma: distanza minima nel mirino

La Spezia - Politica e mondo produttivo a confronto per trovare soluzioni e migliorare il quadro normativo. E' quello che è accaduto nel pomeriggio odierno nella sede della Cna di Via Padre Giuliani, dove l'assessore all'Ambiente Giacomo Giampedrone, la senatrice Stefania Pucciarelli, l'onorevole Manuela Gagliardi e la vicedirettrice del settore Ambiente della Regione Cecilia Brescianini hanno incontrato i rappresentanti delle imprese nautiche per approfondire le questioni legate alla nuova normativa regionale per la verniciatura nei cantieri.
Dopo un periodo di confronto con le associazioni di categoria la Regione ha stilato i criteri per una autorizzazione generale condivisa con il ministero dell'Ambiente, titolare della delega alla tutela dell'ambiente e dopo l'incontro di oggi verranno fatte ulteriori valutazioni, tese ad aumentare il campo dell'applicabilità della nuova opportunità proposta dalla Regione. A oggi, infatti, l'autorizzazione generale al centro del dibattito può essere richiesta da poche aziende del Tigullio e della provincia spezzina, vero cuore pulsante del comparto diportistico.

Introdotto dalla presidente di Cna, Federica Maggiani, l'assessore Giampedrone ha spiegato come la nuova norma sia il primo caso in Italia di questo tipo e come possa aspirare a essere un modello per altri territori per chiarire maggiormente i limiti dell'attività dei cantieri, mettendoli così al riparo da salatissime sanzioni e garantendo al contempo una maggiore tutela dell'ambiente.
"L’autorizzazione - ha spiegato Giampedrone - permette alle piccole imprese artigiane o ditte individuali, che formano l’ossatura della cantieristica regionale e che non hanno come attività prevalente la verniciatura, di poter verniciare a pennello o a rullo senza incorrere in ammende e rispettando tutti i parametri ambientali. Prima di questa delibera la disciplina non era regolamentata in nessun modo, rendendo di fatto illegali tali attività; adesso con un grande lavoro frutto di mesi di condivisione con le realtà produttive e con il ministero veniamo incontro alle richieste del territorio".
La delibera fissa tre range di compatibilità ambientale da rispettare, basati sulla quantità di composti organici volatili (COV, componenti delle vernici) utilizzabili: non sarà così possibile utilizzare più di 2500 kg di COV annui e 12 Kg giornalieri; in aree in qui i cantieri sono concentrati viene definito in 1000 Kg di COV annui il limite per ogni zona da 10mila mq. Altri limiti definiscono la distanza dalle abitazioni e la sospensione delle attività durante le giornate di forte vento.
Con l’approvazione dell’Autorizzazione generale, è compito della singola impresa avanzare la domanda di autorizzazione al Comune competente, che ha 45 giorni per la risposta con la regola del silenzio-assenso.
"Ci siamo assunti la responsabilità di mettere ordine in questo ambito, ponendo dei limiti chiari. Ora le imprese sanno cosa è possibile fare e cosa no. La competenza ambientale rimane statale, ma ci siamo mossi nella maniera corretta, affrontando la questione dal punto di vista tecnico, mettendoci una forte volontà politica per evitare che si riproponessero problemi e sanzioni che rischiavano di mettere in discussione le stesse attività", ha proseguito Giampedrone.

"Le associazioni di categoria sono riuscite a rappresentare in maniera corretta e forte una problematica molto sentita in questo settore e a collaborare per portare a fornire una risposta concreta, interloquendo con la Regione. Siamo certamente di fronte a una buona pratica, questa è la direzione giusta", ha aggiunto Gagliardi.
Soddisfatta anche la senatrice Pucciarelli, che è stata il tramite tra la Regione e il sottosegretario per l'Ambiente e la tutela del territorio e del mare, la leghista Vannia Gava: "Il lavoro di squadra ha dato i suoi frutti, ora dobbiamo verificare l'efficacia della nuova normativa e risolvere le eventuali problematiche che dovessero presentarsi nell'applicazione del provvedimento".

Criticità che sono state immediatamente messe in luce dagli imprenditori presenti all'incontro, soprattutto per quel che riguarda la distanza minima di 200 metri dalle civili abitazioni per poter rientrare tra i richiedenti della nuova autorizzazione generale.
Nessuna obiezione sulla necessità di dotarsi di un impianto per la misurazione del vento, visti i costi contenuti.
Il problema della distanza, invece, vede poche, pochissime realtà del Tigullio e dello Spezzino rispettare il criterio scelto dagli uffici regionali. "Possiamo effettuare nuove valutazioni, siamo partiti da una distanza di riferimento contenuta in altre norme, ma affrontando la questione dal punto di vista tecnico si può trovare una soluzione. Ad esempio - ha detto ancora Giampedrone - è importante pensare che si può effettuare la misurazione dall'effettivo punto in cui si svolgono le operazioni di verniciatura e non dal perimetro dell'azienda e si potrebbe ridurre la distanza minima prevista. Non sarà possibile andare incontro a chi si trova attaccato ai centri abitati, ma è probabile che per altri si arrivi a un risultato soddisfacente".
Qualche imprenditore ha lamentato problemi nei passaggi burocratici con Asl, Provincia e singoli Comuni, mentre altri hanno chiesto di semplificare il registro previsto dall'autorizzazione, onde evitare di dover compilare e conservare volumi eccessivi di documenti.
Tutte richieste che saranno analizzate nel corso delle prossime due settimane da parte del settore Ambiente della Regione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News