Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Domenica 19 Agosto - ore 14.45

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Un'etichetta non a norma ora può costare 20mila euro di multa

Un'etichetta non a norma ora può costare 20mila euro di multa

La Spezia - Nuove sanzioni a tutela dei consumatori per le violazioni delle norme che riguardano l’etichettatura delle calzature e le denominazioni delle fibre e dei prodotti tessili. Il provvedimento, che prevede contravvenzioni che vanno dai 200 ai 20mila euro, entrerà in vigore il prossimo 4 gennaio. È con grande soddisfazione che ne dà l’annuncio Confcommercio Imprese per l’Italia La Spezia. "La disciplina sanzionatoria non tutela infatti solo i consumatori, ma anche tutti gli operatori onesti del settore moda, costretti a lottare contro la crisi e, come se non bastasse, anche contro la concorrenza sleale", dice l'associazione.
"Si tratta infatti di una vera e propria conquista ottenuta dopo anni di battaglie sindacali condotte da Federazione Moda Italia in favore dei negozi e portate avanti anche attraverso l’organizzazione di incontri di sensibilizzazione nelle sedi Confcommercio di tutta Italia, compresa quella della Spezia. Chi fornisce informazioni non corrette sui simboli adottati in etichetta per le calzature rischia una multa di 200 euro. Sanzione che sale fino a 20mila euro nei casi più gravi quando ci si trova di fronte a una non corretta etichettatura delle calzature e dei prodotti tessili: ovvero si indica per esempio il pittogramma del cuoio quando invece la suola è di gomma. In ogni caso di fronte a capi di abbigliamento etichettati in modo scorretto scatterà il ritiro dal commercio dei prodotti già in vendita".

"Il serrato confronto con le istituzioni avviato da Federazione Moda Italia - Confcommercio sull’etichettatura dei prodotti tessili e delle calzature ha portato all’esclusione delle pesanti sanzioni (fino a 3.098) che fino ad oggi sono state elevate al solo commerciante, che poteva avvalersi di un velleitario diritto di rivalsa nei confronti del fornitore (spesso – come da noi rimarcato – non esercitato per la presenza di esplicite clausole contrattuali a sfavore della parte più debole). La normativa attribuisce quindi anche una responsabilità diretta, e conseguenti pesanti contravvenzioni, a chi effettivamente etichetta i prodotti, e cioè a fabbricante, importatore e distributore". All’interno degli uffici della Confcommercio spezzina, in Via Fontevivo, saranno a disposizione delle aziende associate dei cartelli informativi da poter esporre per informare la propria clientela.

Per ulteriori chiarimenti potete contattare Lorenzo Servadei alla mail servadei@confcommerciolaspezia.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News